Discussione:
Reperti fuori tempo?
(troppo vecchio per rispondere)
Anonymous Remailer (austria)
2014-08-10 22:25:14 UTC
Permalink
Cosa ne pensate degli OOPArts e come mai non se ne parla?
Se non sono delle contraffazioni, dovremmo incominciare a
ripensare alla nostra storia.
VITRIOL
2014-08-10 22:49:06 UTC
Permalink
Post by Anonymous Remailer (austria)
Cosa ne pensate degli OOPArts e come mai non se ne parla?
Se ne è parlato spesso, ma i reperti sono talmente diversi che è una
grossa forzatura tentare di classificarli in una unica categoria.
Alcuni sono sicuramente dei falsi, altri sono delle superficiali
interpretazioni fuori contesto di oggetti normali, altri sono oggetti
moderni erroneamente considerati antichi, altri infine sono davvero
oggetti con tutta probabilità autentici che forniscono nuove
informazioni sulla cultura che li ha creati.
In ogni caso fino ad ora non è mai stato trovato un oggetto che sia
sicuramente autentico e impossibile fuori da ogni dubbio.
--
Saluti
VITRIOL
massivan
2014-08-11 07:47:41 UTC
Permalink
Post by Anonymous Remailer (austria)
Cosa ne pensate degli OOPArts e come mai non se ne parla?
"VITRIOL"
Se ne è parlato spesso, ma i reperti sono talmente diversi che è una
grossa forzatura tentare di classificarli in una unica categoria.
Alcuni sono sicuramente dei falsi, altri sono delle superficiali
interpretazioni fuori contesto di oggetti normali, altri sono oggetti
moderni erroneamente considerati antichi, altri infine sono davvero
oggetti con tutta probabilità autentici che forniscono nuove informazioni
sulla cultura che li ha creati.
In ogni caso fino ad ora non è mai stato trovato un oggetto che sia
sicuramente autentico e impossibile fuori da ogni dubbio.
--
Saluti
VITRIOL
"massivan"

Qui trovi impronte fossili di uomini e dinosauri
micromeccanica di molti milioni di anni fa e altro


Nel testo trovi il granito fuso per scopi edilizi ed
esplosioni nucleari di 3 mila anni fa.

--------------------------------------------------------------------------

Senior Member Gruppo: Utente Messaggi: 827 Stato: I FORTI VETRIFICATI di
Oreste Diga per Edicolaweb Nell'ambito delle costruzioni megalitiche, alcune
hanno assunto nei secoli fama universale, fatto versare fiumi di inchiostro
e sono continuo oggetto di circuiti turistici, solleticando fantasie ardite,
nuove consapevolezze e ideologie filosofico/religiose, trasmettendo, anche
al più asettico e fugace degli sguardi, lieve inquietudine e pathos; altre
invece, hanno conosciuto l'oblio dei libri di storia e il silenzio, pesante
come le pietre di cui sono formate, da parte di archeologi e studiosi in
genere, salvo rare eccezioni. Pertanto, con spirito di umiltà ma anche di
profonda curiosità, per via delle poche informazioni disponibili, provo a
tracciare un breve profilo di quei monumenti megalitici che prendono il nome
di "forti vetrificati", enigmatiche e dimenticate espressioni di un
megalitismo "minore", presenti in Francia e in Scozia. I "forti vetrificati"
sono, più propriamente, dei recinti, in genere di forma ellittica,
solitamente innalzati su alture, altre volte circondano promontori naturali
scoscesi. Le mura, nella parte inferiore, a volte su un lato, oppure su
entrambi, sono fatte di pietre granitiche vetrificate. Quando tali recinti
sono protetti da parapetti, anche su questi si trovano tracce di
vetrificazione. Per fondere il granito ed assicurare una più efficace
coesione degli elementi, si potrebbe pensare che i costruttori abbiano
utilizzato dei bracieri ardenti posti ai piedi delle mura. Questa
spiegazione, già di per sé poco convincente quando si constata che solo il
lato interno è stato vetrificato, mentre le parti esterne, spesse talora da
uno a due metri, sono fatte di pietre del tutto naturali, diventa del tutto
inconsistente quando ci si rende conto che occorre raggiungere una
temperatura di 1300 gradi per avviare la fusione delle rocce di granito. In
territorio scozzese sia Castle-Spynie, nell'Invernesshire, sia Top-o-Noth,
nella contea di Aberdeen, costituiscono esempi di questi fortilizi, ma le
costruzioni più rappresentative sono Craig Phoedrick e Ord Hill of Kissock,
edificati su due colline distanti tre miglia circa l'una dall'altra, ubicate
all'estremità del golfo di Moray, nei pressi della città di Inverness, di
cui sembrano difendere l'accesso dal mare. Esse appaiono, secondo la
descrizione dell'archeologo Jules Marion, come un'acropoli dal tracciato
regolare la cui parte superiore appiattita in forma di terrazza ovale,
presenta un incavo al centro di un bacino profondo da due a tre metri,
simile al cratere di un vulcano. Alla base dell'acropoli, l'intero perimetro
è ricoperto da blocchi di granito vetrificato di dimensioni ragguardevoli,
che dominano a picco sul lato orientale la valle del fiume Ness. Le pietre
del forte, scure ed enormi, sono tenute insieme da uno strato di malta dallo
spessore difforme per consistenza e formano un agglomerato talmente compatto
da rendere praticamente impossibile la sua dissociazione. Taluni blocchi
appaiono bruciati come scorie vulcaniche e presentano, in caso di
spaccatura, grosse "gocce vetrificate" simili per colore e consistenza al
vetro delle bottiglie. Non si può essere assolutamente certi che Craig
Phoedrick e Ord Hill of Kissock fossero effettivamente dei fortini, alcune
ipotesi li identificano come fari o comunque osservatori risalenti all'epoca
vichinga, ma in realtà non si ha nessuna nozione in merito alla loro origine
e destinazione. I "forti vetrificati" presenti in Francia (circa una
dozzina), si trovano soprattutto nella zona del fiume Creuse, ma anche in
Bretagna e nella regione della Vienne. Scrive Robert Charroux, nel suo libro
"Civiltà perdute e misteriose", che i più significativi forti vetrificati
francesi, nella regione della Creuse, si trovano a Chateauvieux e a
Ribandelle (sulla sponda opposta del fiume, rispetto a Chateauvieux). Le
mura perimetrali di Chateauvieux si snodano lungo un tracciato ovale, il cui
asse longitudinale misura 128 metri; il parapetto si trova sulla sommità di
uno sterro spesso sette metri alla base e tre metri in cima. Su tali
strutture è stato edificato un muro con delle pareti granitiche. Lo spazio
fra le due pareti è riempito da una gettata di granito fuso spesso 60
centimetri per una larghezza di 4 metri, su una base di tufo. Non c'è
traccia dell'uso di alcun tipo di malta. Risulta così che la parte interna
delle mura sia completamente vetrificata, al contrario della parete esterna.
Analoga è la natura della fortezza della Ribandelle-du-Puy-de-Gaudy, che
venne occupata dai Celti e, successivamente, da Romani e Visigoti: ha un
perimetro di 1500 metri ed una superficie di 13 ettari. L'interno delle
mura, in granito vetrificato, è separato dalle pareti da strati di terra di
brughiera. Alcuni particolari farebbero presupporre che la costruzione fosse
terminata nel momento in cui il granito in fusione veniva colato nello
spazio fra le mura; oppure che il focolare usato per la fusione fosse
collocato all'interno delle pareti. Le mura di Péran (Bretagna - comune di
Plédran) sembrano essere state cementate con del vetro fuso. Il campo di
Péran è lungo 134 metri e largo 110: nella zona viene definito "Le Pietre
Bruciate". Le pietre non sono tenute insieme dalla malta o dal cemento,
bensì dalla stessa fusione. Alcuni ritrovamenti fatti proverebbero che la
costruzione risale almeno a tremila anni fa. Quale sconosciuta civiltà ha
edificato simili fortezze in Francia e in Scozia? Secondo Charroux,
probabilmente si tratterebbe di quella celtica, anche se resta ignoto come
un popolo, nella presunta Età del Bronzo, fosse in grado di fondere, a
temperature tra i 1300 e i 1500 gradi, una roccia dura come il granito! Nel
suo libro "L'epopea celtica d'Irlanda", Jean Markale cita tradizioni che
parlano di "un fuoco druidico" di grandissima potenza: quello che per
esempio, secondo un'antica leggenda celtica, utilizzava il guerriero
solitario che ogni anno, nel giorno della festa di Samhain (il 1° novembre)
gettava nel panico gli abitanti di Tara, in Irlanda. Ailenn Mac Neidhna,
questo il nome del guerriero, si avvicinava alla città e disponendo di un
fuoco di inaudita potenza, ne incendiava uno ad uno i quartieri, fino a che
l'eroe Finn non riuscì a sconfiggerlo mortalmente. Occorre ricordare che,
nel secolo scorso, gli archeologi che raggiunsero la torre dell'isola di
Toriniz, oggi isola Tory, situata nel Donegal, nella punta settentrionale
dell'Irlanda, dovettero constatare con sorpresa che i ruderi erano
vetrificati. Un'altra tradizione celtico-irlandese riporta che gli uomini di
Leinster sapevano costruire "un muro rosso". Era forse un muro di fuoco, o
un muro vetrificato? link 1 imageimage (immagini poco chiare forse :*bonk: )
link 2 Mohenjo-Daro e le altre..(antiche esplosioni nucleari?)di Ettore
Interdonato Miti e storie, raccontati da opere e poemi epici, hanno percorso
secoli e sono stati quasi sempre considerati frutto di fantasia. Avviene
pero', che accanto alla lettura ufficiale, esistano correnti che supportate
da dati scientifici, concorrono a dare a quei miti insperata credibilita' e
a noi una massiccia dose di dubbi. E' quanto sta succedendo ad esempio a
testi come la Bibbia, ai poemi epici Ramayana e Mahabharata(l'Iliade dell'antica
India ,secondo Berliz),al libro tibetano le Stanze di Dzyan, alla mitologia
Sumerica. E cosi' mentre la biblica fine di Sodoma e Gomorra evoca immagini
da scenario atomico,(la moglie di Lot non e' calcificata?),i poemi indiani
narrano di avveniristici mezzi volanti(vimana), di guerre con strane armi
descritte minuziosamente e di una citta' l'antica Lanka, distrutta dagli dei
in modo terribile. Oggi, quella citta' sappiamo essere Mohenjo-Daro,nel
moderno Pakistan, simbolo di come la mitologia a volte interpreta meglio gli
avvenimenti, che la storia solo descrive. (I signori del cielo irati con
Lanka,polverizzarono sette citta' con la luce che brillava come mille soli
ed emanava il rumore di diecimila tuoni-Ramayana-).Una primitiva
sufficienza,ha accolto nel tempo questi racconti, ma sembra inevitabile
,pensare oggi,che in ere lontane l'energia atomica, considerata prodotto dei
giorni nostri,fosse gia' conosciuta o meglio subita,certo non usata da
terrestri,all'alba del loro percorso intellettivo. Tracce molteplici solcano
il pianeta, forse sfigurato in tempi remoti da eventi devastanti,ancorche'
incredibili e per questo la storia di Mohenjo-Daro-Lanka e' significativa ed
emblematica. Mohenjo-Daro, si pensava fosse l'isola di Ceylon, ma David
Davenport, studioso di sanscrito ha identificato Mohenjo con Lanka,isola si',
ma del fiume Indo!(dove il RG-VEDA diceva si trovasse). La tesi e' stata
rafforzata. dal ritrovamento nella zona di Kalat,Pakistan,del dialetto
mohenjo-daro-lanka.Questa citta' della valle dell'Indo,una delle sette citta'
Rishi dell'Impero Rama,a nord di India e Pakistan,costruita nel
2500a.C.,quando gia' le piramidi guardavano Sirio,sparita secondo Davenport
nel 1927 a.C. La sua improvvisa scomparsa,insieme assieme ad
Harappa(Hariupia), viene ascritta al cambiamento di corso dell'omonimo
fiume, allo scoppio di fornaci,visto che l'artigianato della ceramica era
molto fiorente,oppure all'assalto di popolazioni ariane, che avrebbero messo
a ferro e fuoco questo pacifico popolo o fors'anche ad una calamita'(terremoto,alluvioni,meteoriti).
Sommersa dall'oblio,alcuni ruderi vengono scoperti attorno al 1856,quando
John e William Brunton,iniziano i lavori per costruire la ferrovia e pare
che ,i reperti(mattoni cotti),siano stati usati per la struttura di base.
Solo nel 1872-73 riemerge il sito di Mohenjo-Daro,con gli scavi dell'
ufficiale e archeologo inglese Cunningham e via via nel 1922-27 e nel 1950
con gli scavi di Banarjee,Vats,Marshall e Wheeler, si definiscono le
caratteristiche uniche del sito.I dati rilevati,mostrano una perfetta
organizzazione della citta' e un tranquillo stile di vita degli abitanti.La
scrittura non e' stata decifrata,essendo costituita da pittogrammi.La citta'
ha un moderno schema architettonico,che presuppone un suo piano
urbanistico,dove le strade possedevano canali per convogliare acque e
polvere,erano larghe piu' di sei metri e si presume esistesse gia' la
raccolta dei rifiuti(cassonetti ante litteram),un sistema di fognature,i
bagni nelle case costruite con mattoni cotti,impianti idrici, rivestimenti
in piastrelle, sistemi di igienizzazione. Gli abitanti usavano piscine con
acqua calda, coltivavano la pianta di cotone, usato per il loro
abbigliamento: lo stesso cotone sarebbe arrivato con un tantino di ritardo
in Europa..solo 2400 anni piu' tardi!!!! Mohenjo-Daro era abitata da circa
35.000 persone,impegnati a produrre ceramiche di ottima qualita',ad elevato
contenuto siliceo, ma anche nella pesca e nella caccia.Improvvisamente,
questa scena viene sconvolta da un evento imprevisto,i cui effetti sono
visibili tutt'oggi! Davenport e Vincenti, nel loro libro '2000 a.C.
distruzione atomica' esplicitamente parlano di guerre nucleari avvenute
attorno a quella data,con l'annientamento della civilta' di Mohenjo-Daro:
vengono portati a sostegno sia i rilevamenti
morfologici(epicentro,distribuzione onda distruttiva, radioattivita' dei
luoghi e dei reperti),la vetrificazione di rocce e manufatti vari e le ovvie
trasformazioni,che investono gli organismi viventi. In teoria solo una bomba
a fusione, seguita da repentino raffreddamento e' capace di sviluppare i
gradi necessari per tali alterazioni strutturali. Si e' addirittura
comparato,quanto trovato a Mohenjo-Daro ai danni rilevati nel deserto del
Nevada, dopo i recenti esperimenti nucleari . Non si e' assolutamente
pensato a cause naturali,in quanto nella zona non esistono aree vulcaniche e
i pozzi d'acqua erano inalterati. L'onda d'urto ha,poi, provocato una
distribuzione dei danni proporzionale alla vicinanza all'epicentro,
causando, nel punto dove l'intensita'dell'esplosione e' massima,l'annientamento
totale,poi,via via allontanandosi, le altezze progressive degli edifici e
gli stessi mattoni, fusi solo da una parte,ne confermavano la diffusione e
la presenza di temperature notevolissime.La vetrificazione, meccanismo
irreversibile per esposizione almeno a 1500 gradi, aveva riempito le strade
di materiale nerastro e grumoso e lo stesso Davenport citava una zona
circoscritta, in cui vasi e suppellettili si reperivano allo stato fuso I
livelli di uranio,plutonio e potassio 40 erano altissimi. Il
ritrovamento(1927)di circa quaranta scheletri radioattivi, cinquanta volte
il normale, che avevano subito calcinazione, scaraventati in modo
violento,come se la morte li avesse colti all'improvviso,orientava verso la
primitiva ipotesi.Nella scena degli scavi non c'erano armi di alcun
genere,ne' gli scheletri dimostravano aver subito lesioni da combattimento o
colluttazione. E poi, non ultimo,gli indigeni riferiscono terrorizzati di
spiriti maligni,che colpiscono quanti si recano su quei luoghi(radiazioni?).
Davenport stesso non e' morto in giovane eta'? Forse contaminato dai suoi
stessi reperti che, secondo quanto dimostrato dalle analisi del C.N.R di
Roma, erano molto radioattivi!!!!!!!!!! Potrebbe essere la sua morte,una
prova a sostegno della sua tesi? ll prezioso contributo da Davenport, con i
suoi studi prima e il libro scritto con Vincenti poi,ha gettato su
Mohenjo-Daro e la valle dell'Indo una luce con i sinistri riflessi del
nucleare, ammettendone l'origine non terrestre! Le citta' di Mohenjo-daro e
Hariupia(Harappa), avrebbero ostacolato le attivita' degli Ariani con al
Mesopotamia e questi ultimi, sarebbero stati aiutati da intelligenze aliene,
gli dei,per risolvere la rivalita'.Una guerra fra extraterrestri di diverse
fazioni, si era svolta nei cieli, liberando una bomba nucleare!!!Anche
Manetone,l'uomo incaricato da Tolomeo di scrivere nel 270 a.C la storia dell'Antico
Egitto parlo' di guerre fra dei. Egli addirittura, si spinse ad affermare
che,datando il diluvio attorno all'11.000 a.C.,per millenni succcessivi si
svolsero battaglie e guerre fra divinita'. Luoghi in cui esistono tracce
simili a quelle di Mohenjo-Daro, sono il deserto di Gobi in Mongolia, dove
ci sono resti di civilta'vetrificate, civilta' estranee al contesto
primitivo dell'Homo Sapiens, ma ne abbiamo anche nel deserto Arabico,nel Mar
Morto, dove si pensa fossero localizzate Sodoma e Gomorra,in Peru'(Sascayhauman),in
Scandinavia,in Cina, nel Nord America ed anche in Brasile(Sette cidades-Rio
Conge),Turchia(Hattusas).Di uno ziqqurat con la base vetrificata ritrovato
in Mesopotamia,parla l'autore Renee' Noobergen nel testo 'Segreti di razze
perdute e lo stesso autore riferisce di rovine vetrificate e resti umani
radioattivi sulle rive del Gange e sui monti Rajamal.Questi fenomeni sono
sovrapponibili a quelli rilevati nel deserto di White Sands,Stati Uniti,
dopo esperimenti atomici. Sempre nella stessa zona, segnaliamo l'episodio
della rivista World Island Review,che secondo Starvely,nel 1992,indicava nel
Rajastan ,un territorio in cui era presente cenere radiottiva e si estendeva
per tremila chilometri quadrati ad est di Johdpur;vi era inoltre un'anomala
quantita' di neonati malformati e malati di cancro.Dopo varie indagini,si
scopri' un'antica citta', in cui pare fosse avvenuta un'esplosione atomica
nel 7000 a.C. Una considerazione analoga, veniva fatta dall'archeologo
Francis Taylor, per il quale il reperto di ceneri radioattive in profondita',deve
comunque farci pensare a eventi nucleari di antica data.Dicevamo delle
molteplici tracce, presenti sul pianeta. Ogni civilta',racconta a suo
modo,fatti realmente avvenuti, trasfigurandole in leggende.La mitologia
sumerica narra di uno scontro fra dei per il possesso della terra, che
avrebbe provocato una nube nucleare fino al Sinai, dove e' ancora possibile
ritrovare zone vetrificate di notevole estensione,mentre esistono mappe di
un sistema solare con piu' lune in cui uno scontro tra alieni, causa
perturbazioni alle orbite di Marte e Venere,provocando la scomparsa di isole
del Pacifico e dell'Atlantico.(Akakor-Brasile) Potrebbe riferirsi a tale
episodio mitologico delle guerre dei Titani. All'inizio del secolo poi,il
chimico Frederick Soddy(1877-1956),assistente di Rutherford,Nobel 1921,per
la conoscenza degli isotopi e delle sostanze radioattive,
dichiarava(Interpretation of Radium 1909)a proposito del Mahabharata e del
Ramayana 'Credo che ci siano state civilta', che nel passato abbiano avuto
familiarita' con l'energia atomica e ne sono state distrutte'(We are not the
first by Andrew Thomas).Il sanscritista e ufologo Richard Thompson,autore di
'Civilta' degli alieni' e' convinto che intelligenze aliene ,considerate
divinita' dai terrestri,in un passato lontanissimo si siano combattute sulla
terra e che le popolazioni locali abbiano mitizzato i ricordi nei poemi
epici. Sulla stessa lunghezza d'onda lo storico indiano Kisai Mohan Ganguli
che citando il Mahabharata evidenzia come la contaminazione degli alimenti o
la caduta dei capelli e delle unghie, situazione clinica di una persona
irradiata,puo' essere descritta solo da persone venute a contatto con la
realta' del nucleare.Riferiamo poi, con un certa riserva,l'episodio del
sacerdote Pellegrino Ernetti che nel 1950, costruendo un cronovisore,in base
alla teoria della frammentazione del suone di Aristotele ,avrebbe captato la
registrazione dell'esplosione atomica di Sodoma e Gomorra! Pare che in
seguito, sia il cronovisore che il medesimo padre Ernetti siano spariti
dalla scena in maniera misteriosa! Infine,un recente articolo riportato dall'Herald
Tribune, riferiva nell'ultima decade del secolo un'ottantina di esplosioni
nella spazio profondo ed in particolare un avvenuta a 180.000 anni luce
nella nebulosa di Magellano, al di fuori della nostra galassia. Lo stesso
articolo riferiva le opinioni degli scienziati Ray Klebesadel e Stanton
Friedman ed essi escludevano potesse trattarsi di una supernova. James
Oberg, Houston,invece esplicitamente affermava di potersi trovare di fronte
a guerre stellari! Queste notizie generano perplessita',che di fronte all'episodio
riferito ad Oppenheimer(1904-1967) padre del primo esperimento nucleare,
aumentano. Lo scienziato, studioso di sanscrito(pure lui!), col progetto
Manhattan, aveva effettuato con successo l'esplosione atomica e anni dopo ,
durante una lezione, uno studente gli chiese se quella avvenuta ad
Algorado,New Mexico fosse la prima bomba! Oppenheimer rispose:-Well, yes in
modern time of course! Si', la prima dei tempi moderni, ovviamente! Dunque e'
possibile che, le pietre della valle dell'Indo assieme ad altri siti,
dimostrano al mondo che fenomeni nucleari sono avvenuti in ere
lontanissime,facendo piombare il mondo in una lunga preistoria e che i
racconti mitologici,ne sono stati cronaca piu' o meno fedele. Notiamo pero',
una elevata frequenza di scienziati esperti di sanscrito e a questo punto,
visto che, maneggiano materia cosi' delicata, speriamo solo siano tutti
pacifisti.(sic!) Dal 'Mahabharata' Un missile sfolgorante che possedeva lo
splendore del fuoco senza fumo venne lanciato. All'improvviso una densa
oscurita' avvolse gli eserciti. Tutti i punti cardinali vennero avvolti
improvvisamente nelle tenebre....e i carri, arsi dall'energia di quell'arma,
sembravano moncherini d'alberi consumati nell'incendio di una
foresta.Migliaia di carri caddero da ogni parte.Poi le tenebre nascosero
tutto l'esercito....Incominciarono a soffiare venti freddi. Tutti i punti
cardinali divennero chiari e luminosi.Poi noi contemplammo uno spettacolo
prodigioso.Arse dalla potenza terribile di quell'arma,le figure dei caduti
erano diventate irriconoscibili. Noi non avevamo mai udito parlare di una
simile arma, ne' mai l'avevamo veduta.. link 3 poche foto trovate al volo...
i link sono i siti dove ho preso gli articoli ve ne segnalo altri similari
La realtà dei vimana 2000 a.c. distruzione atomica Le guerre stellari di
Mohenjo-Daro
Antonio Bruno
2014-08-11 13:27:13 UTC
Permalink
Post by massivan
"massivan"
Qui trovi impronte fossili di uomini e dinosauri
micromeccanica di molti milioni di anni fa e altro
http://youtu.be/yuqqdbMr4kY
Nel testo trovi il granito fuso per scopi edilizi ed
esplosioni nucleari di 3 mila anni fa.
Sì, ma c'è un lariano che ruba da anni stipendi alla collettività e rovina
anche parecchie menti giovani il quale dice che YouTube è il rifugio dei
falliti... :-(
--
Fortunato colui dietro al quale latrano i cretini, perchè la
sua anima non apparterrà  mai a loro.

Carlos Ruiz Zafan, Il gioco dell'angelo
massivan
2014-08-11 13:51:42 UTC
Permalink
Post by massivan
"massivan"
Qui trovi impronte fossili di uomini e dinosauri
micromeccanica di molti milioni di anni fa e altro
http://youtu.be/yuqqdbMr4kY
Nel testo trovi il granito fuso per scopi edilizi ed
esplosioni nucleari di 3 mila anni fa.
"Antonio Bruno"
Sì, ma c'è un lariano che ruba da anni stipendi alla collettività e rovina
anche parecchie menti giovani il quale dice che YouTube è il rifugio dei
falliti... :-(
"massivan"

L'ultima "cancellazione" conosciuta è avvenuta 12.500
anni fa con il diluvio universale, il livello del mare si è
alzato di 1.000 metri in poco tempo lasciando ben
poche tracce del passato.

Ci sono state civilizzazioni ben superiori alla nostra
attuale, gente che ha disegnato linee rette sul fondo
dell'oceano piu' lunghe di mille chilometri, lavori
impossibili con le tecniche attuali e chissa' per
quanto tempo ancora.

vedi:
https://maps.google.it/maps/myplaces?hl=it&ll=-18.271086,-26.894531&spn=21.748891,39.331055&ctz=-120&t=h&z=5
Gyork
2014-08-11 14:02:56 UTC
Permalink
Post by massivan
Post by massivan
"massivan"
Qui trovi impronte fossili di uomini e dinosauri
micromeccanica di molti milioni di anni fa e altro
http://youtu.be/yuqqdbMr4kY
Nel testo trovi il granito fuso per scopi edilizi ed
esplosioni nucleari di 3 mila anni fa.
"Antonio Bruno"
Sì, ma c'è un lariano che ruba da anni stipendi alla collettività e rovina
anche parecchie menti giovani il quale dice che YouTube è il rifugio dei
falliti... :-(
"massivan"
L'ultima "cancellazione" conosciuta è avvenuta 12.500
anni fa con il diluvio universale, il livello del mare si è
alzato di 1.000 metri in poco tempo lasciando ben
poche tracce del passato.
So che sbaglio a chiedertelo, ma...che prove hai di quello che dici?
Post by massivan
Ci sono state civilizzazioni ben superiori alla nostra
attuale, gente che ha disegnato linee rette sul fondo
dell'oceano piu' lunghe di mille chilometri,
Anche qui: che te lo chiedo a fare?
Ma ci provo lo stesso: anche prescindendo dal fatto che ti è già
spiegato cosa sono quelle linee che si vedono in tante mappe su Google
Earth (ma si sa, tu rimuovi tutto quello che ti si dice), ed ammettendo
che quelle siano vere e proprie linee fatte dall'uomo (ma non lo sono),
la domanda nasce spontanea: checcazzo servivano quelle linee? E perché
farle sul fondo del mare?

Così eh, giusto per curiosità.
Anto Nomasia
2014-08-11 14:30:02 UTC
Permalink
Post by Gyork
la domanda nasce spontanea: checcazzo servivano quelle linee? E perché
farle sul fondo del mare?
Li, una volta, era tutta campagna.
massivan
2014-08-11 15:12:18 UTC
Permalink
Post by Gyork
la domanda nasce spontanea: checcazzo servivano quelle linee? E perché
farle sul fondo del mare?
"Anto Nomasia"
Li, una volta, era tutta campagna.
"massivan"

Allora è stato piu' facile...
kennyt
2014-08-11 17:39:08 UTC
Permalink
Post by Anto Nomasia
Post by Gyork
la domanda nasce spontanea: checcazzo servivano quelle linee? E perché
farle sul fondo del mare?
Li, una volta, era tutta campagna.
Mi ricordo quando tutto questo era campagna a perdita d'occhio, il vecchio
Peabody era il solo proprietario qui e gli venne la folle idea di piantare
alberi di pino...

Ken
massivan
2014-08-11 15:15:55 UTC
Permalink
Post by massivan
"massivan"
L'ultima "cancellazione" conosciuta è avvenuta 12.500
anni fa con il diluvio universale, il livello del mare si è
alzato di 1.000 metri in poco tempo lasciando ben
poche tracce del passato.
"Gyork"
So che sbaglio a chiedertelo, ma...che prove hai di quello che dici?
"massivan"

Qui puoi trovare delle risposte.

massivan
2014-08-11 15:25:45 UTC
Permalink
Post by massivan
"massivan"
Qui puoi trovare delle risposte.
http://youtu.be/CHTrVE5aVgU
Scorciatoia
https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=CHTrVE5aVgU#t=236
Gyork
2014-08-12 12:14:45 UTC
Permalink
Post by massivan
Post by massivan
"massivan"
L'ultima "cancellazione" conosciuta è avvenuta 12.500
anni fa con il diluvio universale, il livello del mare si è
alzato di 1.000 metri in poco tempo lasciando ben
poche tracce del passato.
"Gyork"
So che sbaglio a chiedertelo, ma...che prove hai di quello che dici?
"massivan"
Qui puoi trovare delle risposte.
http://youtu.be/CHTrVE5aVgU
Ma c'è anche la risposta alla mia domanda riguardo alle PROVE?
Indica il minuto.
massivan
2014-08-12 15:57:57 UTC
Permalink
Post by massivan
"massivan"
Qui puoi trovare delle risposte.
http://youtu.be/CHTrVE5aVgU
"Gyork"
Ma c'è anche la risposta alla mia domanda riguardo alle PROVE?
Indica il minuto.
"massivan"

C'e' lo stesso racconto comune in tutto il mondo

il minuto preciso
https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=CHTrVE5aVgU#t=236

Quando il mare si alza di 1.000 metri
in poco tempo di prove ne cancella parecchie.
DrMorbius
2014-08-12 18:38:26 UTC
Permalink
Post by massivan
Quando il mare si alza di 1.000 metri
in poco tempo di prove ne cancella parecchie.
veramente è il contrario, quando il mare si alza di 1000 metri di prove ne lascia
un berdello
--
DrMorbius
Marco C.
2014-08-13 12:17:35 UTC
Permalink
Il Tue, 12 Aug 2014 18:38:26 GMT, "DrMorbius"
Post by DrMorbius
Post by massivan
Quando il mare si alza di 1.000 metri
in poco tempo di prove ne cancella parecchie.
veramente è il contrario, quando il mare si alza di 1000 metri di prove ne lascia
un berdello
massivan potrebbe asvere problemi di vista e non essersi mai accorto,
ad esempio, di tutto quel rosso ammonitico che trova sia nelle catene
alpine del nord Italia che in quelle del centro e del sud.

Ugualmente, non deve mai aver trovato fossili marini andando per
montagne e ne' si deve essere domandato *l'origine* di quei fossili,
anche in vetta alle montagne :((

Marco C.
--
Sprazzi di"cultura" del 12 maggio 2001 su IDM di un noto RICERCATORE
SCRITTORE che ha conosciuto le patrie galere, "cultura" che con il
tempo non e' migliorata :

"Perchè si trovano conchiglie fossili ad alte quote se,
come è stato dichiarato da quegli scienziati, il livello
del mare non è MAI salito oltre all'attuale?"

Per il curriculum del RICERCATORE SCRITTORE :

http://www.asaap.org/antoniobruno.htm

DrMorbius
2014-08-12 19:19:58 UTC
Permalink
Post by massivan
Quando il mare si alza di 1.000 metri
una teoria decente ,al contrario di quelle di ignoranti come tombini, daterebbe
un "alluvione" di 50 metri circa del mar nero/caspio circa 16000 anni fà.
questo potrebbe essere l'evento scatenante i vari miti che evidentemente hanno
un origine comune ma che si diffusi a seguito delle varie migrazioni ormai date
per certe.

1000 metri ( a livello mondiale poi... ) non esiste , sarebbe anche un casino
giustificare tutta quell' acqua tra l'altro ( dove la prenderesti ? )
cagate del genere giusto massivan le può credere.
--
DrMorbius
diluvio
2014-08-12 20:10:48 UTC
Permalink
Post by DrMorbius
una teoria decente ,al contrario di quelle di ignoranti come tombini,
ignorante è troppo poco, usa almeno teste di cazzo
Post by DrMorbius
prenderesti ? ) cagate del genere giusto massivan le può credere.
cagate è troppo educato, usa:
stronzate
merdate pazzesche
minchiate assurde
oceani di merda liquida misti a oceani di piscio solido

forza, non frenarti, digli chiaro e tondo: sei una testa di cazzo che
crede a stronzate pazzesche. non usare mezzi termini! fai vedere che ce
l'hai duro e più lungo del suo!
Paperino
2014-08-12 20:13:27 UTC
Permalink
"diluvio" ha scritto
Post by diluvio
Post by DrMorbius
una teoria decente ,al contrario di quelle di ignoranti come tombini,
ignorante è troppo poco, usa almeno teste di cazzo
Post by DrMorbius
prenderesti ? ) cagate del genere giusto massivan le può credere.
stronzate
merdate pazzesche
minchiate assurde
oceani di merda liquida misti a oceani di piscio solido
forza, non frenarti, digli chiaro e tondo: sei una testa di cazzo che
crede a stronzate pazzesche. non usare mezzi termini! fai vedere che ce
l'hai duro e più lungo del suo!
Ti vedo tranquillo e rilassato :-). In compenso quoti
come una capra tibetana in overdose da licheni.

Bye, G.
diluvio
2014-08-12 20:27:49 UTC
Permalink
Post by Paperino
Ti vedo tranquillo e rilassato :-). In compenso quoti
come una capra tibetana in overdose da licheni.
è per merito del piscio che ho bevuto dallo sciamano siberiano che a
sua volta aveva bevuto il piscio dell'alce che a sua volta aveva
mangiato l'amanita muscaria
Paperino
2014-08-12 20:30:30 UTC
Permalink
"diluvio" ha scritto
Post by diluvio
Post by Paperino
Ti vedo tranquillo e rilassato :-). In compenso quoti
come una capra tibetana in overdose da licheni.
è per merito del piscio che ho bevuto dallo sciamano siberiano che a
sua volta aveva bevuto il piscio dell'alce che a sua volta aveva
mangiato l'amanita muscaria
Un po' d'aceto e passa tutto, scie chimiche comprese.

Bye, G.
Gyork
2014-08-13 08:07:56 UTC
Permalink
Post by massivan
Post by massivan
"massivan"
Qui puoi trovare delle risposte.
http://youtu.be/CHTrVE5aVgU
"Gyork"
Ma c'è anche la risposta alla mia domanda riguardo alle PROVE?
Indica il minuto.
"massivan"
C'e' lo stesso racconto comune in tutto il mondo
Grazie al cazzo: come lo spiegheresti tu (e dico TU perché comunque sei
ignorante patentato) il ritrovamento di una qualsiasi delle infinite
conchiglie fossili all'interno di uno degli infiniti strati di roccia
sedimentaria che puoi trovare praticamente ovunque?
Ecco: tu, così come "l'uomo della pietra" , pensereste che quella è
prova di un mare che è passato di lì.
Perché non avete la capacità di pensare che invece è il fondale ad
essersi spostato, ad essere emerso (e magari il mare sì, nel frattempo
si è anche innalzato ed abbassatto, ma di certo non così tanto)

Questa è solo una delle semplici spiegazioni che possono legare un
comune mito anche a distanza di decine di migliaia di km, perché è un
elemento comunque osservabile praticamente a tutte le latitudini, che
porta come conseguenza "logica" ad un'unica conclusione (seppur
sbagliata)

Ma si può ipotizzare anche che esista un mito ancestrale legato al
disgelo e quindi alla graduale conquista delle acque sulla terra.
Tutte cose che però NON implicano alcun diluvio universale, né 1000
metri d'acqua dove adesso è tutta campagna (per dire...)
Post by massivan
il minuto preciso
https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=CHTrVE5aVgU#t=236
Mi prendi per il culo? Parlo di PROVE.
Lì in quella parte si DICE una cosa, prove zero.
Post by massivan
Quando il mare si alza di 1.000 metri
in poco tempo di prove ne cancella parecchie.
Ecco, quindi di prove non ne hai.
CVD.
Studia un po' di geologia, e saprai che esistono invece prove del
CONTRARIO (cioè che questo diluvio col cazzo che c'è stato, altrimenti
sarebbe così evidente che ne troveresti traccia ovunque)
Gyork
2014-08-11 14:03:39 UTC
Permalink
Post by Antonio Bruno
Sì, ma c'è un lariano che ruba da anni stipendi alla collettività e rovina
anche parecchie menti giovani il quale dice che YouTube è il rifugio dei
falliti... :-(
No no, tu non sei mica ossessionato...no, certo che no!
ROTFL.
Continua a leggere su narkive:
Loading...