Discussione:
Einstein spudorato copiatore
(troppo vecchio per rispondere)
asps
2003-10-05 17:49:27 UTC
Permalink
Albert Einstein, The Incorrigible Plagiarist

(Christopher Jon Bjerknes)
(XTX Inc., DownersGorve, Illinois, USA, 2002)



"The secret to creativity is knowing how to hide your sources"

(Albert Einstein)


.............................

The name ''Einstein'' evokes images of a good-humoured genius, who
revolutionised our concepts of space, time, energy, mass and motion. Time
named Albert Einstein "person of the century". The language itself has
incorporated "Einstein" into our common vocabulary as a synonym for
extraordinary brilliance. Many consider Einstein to have been the finest
mind in recorded human history.

That is the popular image, fostered by textbooks, the media, and hero
worshiping physicists and historians. However, when one reads the scientific
literature written by Einstein's contemporaries, a quite different picture
emerges: one of an irrational plagiarist, who manipulated credit for their
work.

Einstein is perhaps most famous for the special theory of relativity,
published in 1905 in the German physics journal, Annalen der Physik. The
paper was devoid of references, a fact that Einstein's friend and Nobel
prize winner for physics, Max Born, found troubling.



....................

The fact that Einstein was a plagiarist is common knowledge in the physics
community. What isn't so well-known is that the sources Einstein parroted
were also largely unoriginal. In 1919, writing in the Philosophical Magazine
Harry Bateman, a British mathematician and physicist who had emigrated to
the United States, unsuccessfully sought acknowledgment of his work.

"I am perhaps entitled to do this as my work on the subject of general
relativity was published before that of Einstein and Kottler, and appears to
have been overlooked by recent writers."

My book is a documentation of Einstein's plagiarism of the theory of
relativity. It discloses his method for manipulating credit for the work of
his contemporaries, reprints the prior works he parroted, and demonstrates
that he could not have drawn his conclusions without prior knowledge of the
works he copied but failed to reference.

Numerous republished quotations from Einstein's contemporaries prove that
they were aware of his plagiarism. Side-by-side comparisons of Einstein's
words juxtaposed to those of his predecessors prove the almost verbatim
repetition. There is even substantial evidence presented in the book that
Einstein plagiarised the work of his first wife, Mileva Maric, who had
plagiarised others.

"Although generally associated with the names of Einstein and Minkowski, the
really essentia physical considerations underlying the theories are due to
Larmor and Lorentz." -- Alfred Arthur Robb

"Einstein published a paper which set forth the relativity theory of
Poincaré and Lorentz with some amplifications, and which attracted much
attention." -- Sir Edmund Whittaker

"The appearance of Dr. Silberstein's recent article on 'General Relativity
without the Equivalence Hypothesis' encourages me to restate my own views on
the subject. I am perhaps entitled to do this as my work on the subject of
General Relativity was published before that of Einstein and Kottler, and
appears to have been overlooked by recent writers." -- Harry Bateman

"All this was maintained by Poincare and others long before the time of
Einstein, and one does injustice to truth in ascribing the discovery to
him." -- Charles Nordmann

"Many of you have looked upon [Einstein's] paper 'Zur Elektrodynamik
bewegter Koerper' in Annalen der Physik ... and you will have noticed some
peculiarities. The striking point is that it contains not a single reference
to previous literature. It gives you the impression of quite a new venture.
But that is, of course, as I have tried to explain, not true." -- Max Born

"In point of fact, therefore, Poincaré was not only the first to enunciate
the principle, but he also discovered in Lorentz's work the necessary
mathematical formulation of the principle. All this happened before
Einstein's paper appeared." -- G. H. Keswani

"Einstein's explanation is a dimensional disguise for Lorentz's. ... Thus
Einstein's theory is not a denial of, nor an alternative for, that of
Lorentz. It is only a duplicate and disguise for it. ... Einstein
continually maintains that the theory of Lorentz is right, only he disagrees
with his 'interpretation.' Is it not clear, therefore, that in this, as in
other cases, Einstein's theory is merely a disguise for Lorentz's, the
apparent disagreement about 'interpretation' being a matter of words
only?" -- James Mackaye

Mr Bjerknes, an American historian of science, has authored six books on
Einstein and the theory of relativity. Albert Einstein: The Incorrigible
Plagiarist (ISBN 0971962987) is available at www.amazon.com.


..................


http://www.dipmat.unipg.it/~bartocci/ep6/ep6-bjerk-rec.htm
Giancarlo Albricci
2003-10-05 20:47:43 UTC
Permalink
asps ha scritto nel messaggio ...
Post by asps
Albert Einstein, The Incorrigible Plagiarist
Emidio Laureti, incorreggibile invidioso.
asps
2003-10-05 21:10:02 UTC
Permalink
Post by Giancarlo Albricci
asps ha scritto nel messaggio ...
Post by asps
Albert Einstein, The Incorrigible Plagiarist
Emidio Laureti, incorreggibile invidioso.
asps
2003-10-05 21:14:38 UTC
Permalink
Post by Giancarlo Albricci
asps ha scritto nel messaggio ...
Post by asps
Albert Einstein, The Incorrigible Plagiarist
Emidio Laureti, incorreggibile invidioso.
è la prova che ormai è una religione per voi anche il furto delle idee
altrui .....
The Fuzzy
2003-10-06 10:54:43 UTC
Permalink
Post by asps
è la prova che ormai è una religione per voi anche il furto delle idee
altrui .....
Ma non ho capito: ce l'hai con Einstein plagiatore o con le sue idee?

fuzzy
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
asps
2003-10-06 12:58:26 UTC
Permalink
Post by The Fuzzy
Post by asps
è la prova che ormai è una religione per voi anche il furto delle idee
altrui .....
Ma non ho capito: ce l'hai con Einstein plagiatore o con le sue idee?
Come Christopher Jon Bjerknes ritengo attraverso documentazione che Einstein
sia uno spudorato opportunista copiatore
in più ce l'ho con la bicazzola parallela sull'orizzonte degli eventi che
sono diventate le sue idee

E.Laureti
Post by The Fuzzy
fuzzy
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Woodridge
2003-10-06 16:24:27 UTC
Permalink
Sono rimasto un po' deluso.
Se ho ben capito (ho dato una lettura non approfondita, e non so
perche' non credo che tu l'abbia letto tutto), l'accusa di plagio
sarebbe basata sull'aver "ripreso" il lavoro di Lorentz.
In qualche passo dello scritto, si parla della "teoria di Lorentz".
Sempre se ho capito bene cosa si riferisse... plagio un corno! Lorentz
non elaboro' alcuna teoria! Scrisse delle relazioni che spiegavano, ad
hoc, il risultato dell'esperimento di Michelson e Morley. E interpreto'
la cosa in termini di bracci dell'interferometro che si contraevano...
Einstein, poi, costrui' il quadro, matematico e interpretativo, in cui
si inserivano anche tali espressioni con ben diverso significato.

Sono rimasto deluso perche' nel leggere il titolo del post credevo si
riferisse ad altro, e cioe' al fatto che Einstein avesse "attinto" le
sue idee da certa corrispondenza col suo amico italiano, o comunque
preso cospicua parte del lavoro da certe carte di quest'ultimo.
Ricordavo di aver letto, molto tempo fa, un articolo su questa cosa,
pero' a differenza di quello postato era ben documentato, ben
strutturato.
Speravo ora di trovare qualcosa a proposito.

In ogni caso, la cosa che lessi allora riguardava solo la relativita'
ristretta, non quella generale.

Saluti

Woodridge
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
asps
2003-10-06 17:13:31 UTC
Permalink
Post by Woodridge
Sono rimasto un po' deluso.
Se ho ben capito (ho dato una lettura non approfondita, e non so
perche' non credo che tu l'abbia letto tutto), l'accusa di plagio
sarebbe basata sull'aver "ripreso" il lavoro di Lorentz.
In qualche passo dello scritto, si parla della "teoria di Lorentz".
Sempre se ho capito bene cosa si riferisse... plagio un corno! Lorentz
non elaboro' alcuna teoria! Scrisse delle relazioni che spiegavano,
"relazioni" che si chiamano con il suo nome e non con quello
dell'opportunista A.E.
Post by Woodridge
ad
hoc, il risultato dell'esperimento di Michelson e Morley.
e cosa altro avrebbero dovuto spiegare
Post by Woodridge
E interpreto'
la cosa in termini di bracci dell'interferometro che si contraevano...
Einstein, poi, costrui' il quadro, matematico e interpretativo, in cui
si inserivano anche tali espressioni con ben diverso significato.
Christopher Jon Bjerknes lascia intendere che l'essenza dell'innovazione non
è di A.E. ma di altri ...... come il fatto che E=mc^2 sta dentro
l'elettrodinamica di Maxwell e non dentro la RR (cosa che A.E. stesso
riconosce)
Post by Woodridge
Sono rimasto deluso perche' nel leggere il titolo del post credevo si
riferisse ad altro, e cioe' al fatto che Einstein avesse "attinto" le
sue idee da certa corrispondenza col suo amico italiano,
se fruga nel sito di Bartocci troverà tutto circa De Pretto
Post by Woodridge
o comunque
preso cospicua parte del lavoro da certe carte di quest'ultimo.
Ricordavo di aver letto, molto tempo fa, un articolo su questa cosa,
pero' a differenza di quello postato era ben documentato, ben
strutturato.
Guardi che c'è addirittura un libro di U.Bartocci dal titolo "Albert
Einstein e Olinto De Pretto la vera storia della formula più famosa del
mondo"
Post by Woodridge
Speravo ora di trovare qualcosa a proposito.
In ogni caso, la cosa che lessi allora riguardava solo la relativita'
ristretta, non quella generale.
frughi nel sito di Bartocci
Post by Woodridge
Saluti
Woodridge
cmq il fatto che l'Albert fosse un mateficente incapace di ogni più pallida
attività sperimentale è documentato anche da alcune sue lettere pubblicate
recentemente su Der Spiegel (la notizia è riportata su Nova Astronautica) :

..........
Albert Einstein, lettere inedite su Der Spiegel

Genio della fisica ma...maldestro nella tecnica.

Difficile da credere ma questo sarebbe il ritratto che viene fuori dalla
pubblicazione di alcune lettere inedite del genio per eccellenza: Albert
Einstein
Il settimanale « Der Spiegel » ha rivelato che il fisico-matematico, dopo
aver
dato la spinta decisiva alla.costruzione. della prima bomba atomica
americana, per evitare che fossero i nazisti a produrla per primi, volle
anche dare consigli alla Marina degli Stati Uniti su come migliorare il
sistema di accensione magnetica piuttosto difettoso dei siluri lanciati
contro le navi giapponesi.
Tali armi o non esplodevano o lo facevano troppo presto.
Ma le idee sviluppate da Einstein erano talmente vaghe e inconsistenti da
non essere in alcun modo prese sul serio dagli interlocutori.
"Le proposte erano assolutamente banali ", ha concluso un esperto che ha
analizzato le lettere di Einstein al suo referente nella Marina
statunitense, Stephen Bronauer .
Così banali, evidentemente, da. indurre qualquno a sospettare che l'
obbiettivo del genio era semplicemente quello di ingraziarsi le simpatie
delle autorità americane che lo consideravano così inaffidabile dal punto di
vista politico, da controllargli sia la posta sia le telefonate.

Nova Astronautica Vol.23 n.97 2003, pag.30

...........

e dal tono delle lettere si capisce pure che le sue tattiche ruffianesce non
sempre riescono

E.Laureti
Woodridge
2003-10-06 18:00:33 UTC
Permalink
"relazioni" che si chiamano con il suo nome [Lorentz]
Giusto.
Per essere precisi: trasformazioni di Lorentz.
Segno di buona fede, no? :-) La teoria di Lorentz non e' mai esistita,
ma la teoria successivamente nata (chiunque ne sia l'autore, e non e'
Lorentz) ha conservato per tali relazioni il nome del primo autore.
Circostanza comunissima in tutte le "grosse" costruzioni della fisica.
ad hoc, il risultato dell'esperimento di Michelson e Morley.
e cosa altro avrebbero dovuto spiegare
D'accordo, naturalmente, anche su questo.
L'accento era posto su "ad hoc", per dire che le relazioni venivano
tirate fuori per far quadrare l'esperimento, con tra l'altro una
interpretazione ingenua.
Era sempre per dire che non esiste una "teoria di Lorentz".
Niente di piu'.
Christopher Jon Bjerknes lascia intendere che l'essenza dell'innovazione non
è di A.E. ma di altri ...... come il fatto che E=mc^2 sta dentro
l'elettrodinamica di Maxwell e non dentro la RR (cosa che A.E. stesso
riconosce)
Non mi piace questa enfasi della singola formuletta... puzza di voler
spettacolarizzare la cosa.
Comunque, se proprio ti fa piacere, ti diro' che nelle equazioni di
Maxwell (immagino, non so per quale sensazione, che tu
dell'elettrodinamica di Maxwell che citi non ne sappia niente, ti prego
di correggermi se sbaglio) e' "contenuta", a saperla vedere, tutta la
relativita'.
"Contenuta" tra virgolette, gli addetti ai lavori mi capiscono.
Il punto e' proprio in quel "a saperla vedere".
Senza dilungarci in particolari, i fisici del tempo "preferirono"
introdurre il concetto del riferimento privilegiato, l'etere, cioe'
rinunciare all'idea stessa di relativita' (quella di Galileo), invece
che rinunciare all'idea della somma algebrica delle velocita'
(trasformazioni di Galileo).

Ripeto, non e' uno scoop che le equazioni di Maxwell "contengano la
relativita'". Stanno li' a mostrarlo a tutti (a chi le sa vedere).
Del resto, leggo proprio da te che lo stesso Einstein lo ammise. Non
poteva essere altrimenti...
Guardi che c'è addirittura un libro di U.Bartocci dal titolo "Albert
Einstein e Olinto De Pretto la vera storia della formula più famosa del
mondo"
Ah, ecco, bravo, non mi ricordavo il nome, era De Pretto?
Daro' un'occhiata al sito.
Ma il titolo del libro, con l'enfasi sulla famosa formuletta... come
prima, mi puzza di voler spettacolarizzare e vendere.

Io ricordo che la cosa che lessi era molto seria e ben documentata,
spero questo non sia il solito "gadget".

Ah, una domanda.
Ma perche' mi dai del lei?

Saluti

Woodridge
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
El Filibustero
2003-10-06 19:05:25 UTC
Permalink
Post by Woodridge
Segno di buona fede, no? :-) La teoria di Lorentz non e' mai esistita,
LOL. La teoria dell'etere di Lorentz e' esistita ed e'
osservativamente equivalente alla RR. La RR gli venne preferita per
questioni puramente metafisiche (nel senso autentico e buono del
termine: qui occorre ricordare che la fisica di qualunque momento
storico ha necessariamente una sua corrispondente metafisica. Non si
capisce perche' al giorno d'oggi il termine "metafisica" ha una
connotazione negativa).

Riguardo all'articolo proposto, sfonda una porta aperta. Solo chi non
si intende minimamente di storia della scienza puo' sorprendersi che
uno scienziato sviluppi idee dei suoi predecessori o contemporanei. E
nessuno puo' negare che gli sviluppi einsteniani dell'elettrodinamica
siano assolutamente originali. Il tono dissacratorio IMHO e' fuori
luogo: puo' fare effetto solo su chi vede ingenuamente Einstein come
Il Demiurgo, secondo quello stereotipo folkloristico citato all'inizio
dell'articolo. Ciao
Woodridge
2003-10-07 13:50:01 UTC
Permalink
Post by El Filibustero
La teoria dell'etere di Lorentz e' esistita ed e'
osservativamente equivalente alla RR. La RR gli venne preferita per
questioni puramente metafisiche
Non sono d'accordo su nessuna delle tre proposizioni.

Prima di tutto, non mi pare che la teoria dell'etere sia da attribuirsi
a Lorentz, o comunque venga identificata con tale personaggio. Ma su
questo potrei sbagliarmi o potrebbe dipendere dall'autore.

Piu' importante, invece, il resto. Chiaramente non e' vero che teoria
dell'etere e della relativita' ristretta sono equivalenti. Non lo sono
come principio di base (la prima presuppone l'esistenza di un
riferimento "privilegiato", la seconda ha tra i suoi due postulati di
base l'equivalenza di tutti i riferimenti inerziali). E non lo sono dal
punto di vista delle previsioni sperimentali (era questo il significato
dell'avverbio "osservativamente"?), predicendo osservazioni discordanti.
Dato quest'ultimo punto, direi anche che non e' vero che la RR e' da
preferirsi per questioni metafisiche. Al contrario. Senza andare nel
solito discorso della metafisicita' dell'etere (proprieta' dell'etere
non ben specificate ecc.), direi semplicemente che le previsioni della
teoria dell'etere sono state smentite dai fatti; al contrario, le
previsioni della teoria della relativita' sono effettivamente osservate,
misurate. Insomma, in generale, non esiste la "teoria vera" e la "teoria
falsa", ne' dopo un certo tempo una teoria diventa o meno "verita'". Le
teorie sono solo descrizioni. Quella dell'etere non ha funzionato.
Quella della relativita' ristretta pare che fino ad oggi abbia
funzionato piuttosto bene...
E, ribadisco, alla base della RR ci sono solo due, due, postulati (uno
dei quali, in un certo senso, risalente a Galilei): nessun presupposto
arzigogolato, tutto cio' che ne discende deriva fuori da questi due
postulati.

Su quello che dici dell'articolo, invece, concordo pienamente.

Saluti

Woodridge
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Enrico Smargiassi
2003-10-08 15:21:51 UTC
Permalink
Post by El Filibustero
La teoria dell'etere di Lorentz e' esistita ed e'
osservativamente equivalente alla RR.
Solo per quel che riguarda i fenomeni elettromagnetici. La RR
copre un campo assai piu' vasto: e' molto piu' potente.
Post by El Filibustero
La RR gli venne preferita per questioni puramente metafisiche
No, la RR e' logicamente di gran lunga piu' semplice. Nella
teoria di Lorentz del 1904 sono stati contati 11 postulati, nella
RR solo 6, e piu' generali (cfr. Holton, Thematic Origins of
Scientific Thought, cap. 6). Questo non e' un criterio
metafisico, ma il buon vecchio rasoio di Occam.
Post by El Filibustero
Riguardo all'articolo proposto, sfonda una porta aperta. [ecc.]
Amen.

--
Enrico Smargiassi
http://www-dft.ts.infn.it/~esmargia
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
asps
2003-10-06 20:18:16 UTC
Permalink
"Woodridge" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@mygate.mailgate.org...
.
.............cut
Post by Woodridge
Post by asps
Christopher Jon Bjerknes lascia intendere che l'essenza dell'innovazione non
è di A.E. ma di altri ...... come il fatto che E=mc^2 sta dentro
l'elettrodinamica di Maxwell e non dentro la RR (cosa che A.E. stesso
riconosce)
Non mi piace questa enfasi della singola formuletta... puzza di voler
spettacolarizzare la cosa.
Comunque, se proprio ti fa piacere, ti diro' che nelle equazioni di
Maxwell (immagino, non so per quale sensazione, che tu
dell'elettrodinamica di Maxwell che citi non ne sappia niente, ti prego
di correggermi se sbaglio)
dire di sapere è troppo metafisico .........io volo basso e potrò dire fra
un po almeno qualcosa che l'elettrodinamica di Maxwell omette ........
Post by Woodridge
e' "contenuta", a saperla vedere, tutta la
relativita'.
aggrappatevi bene alle rocce in questa cordata di contenitori contenenti
certezze sicure
Post by Woodridge
"Contenuta" tra virgolette, gli addetti ai lavori mi capiscono.
Il punto e' proprio in quel "a saperla vedere".
fra un po mi direte perchè non avete visto o sottovalutato quello che vi
dirò

........snip
Post by Woodridge
Ah, una domanda.
Ma perche' mi dai del lei?
mi stupirei se non trovasse una risposta
Post by Woodridge
Saluti
Woodridge
E.Laureti
asps
2003-10-07 20:38:36 UTC
Permalink
"asps" <***@flashnet.it> ha scritto nel messaggio news:blsij6$qpd$***@news.flashnet.it...
....snip
Post by asps
Post by Woodridge
Comunque, se proprio ti fa piacere, ti diro' che nelle equazioni di
Maxwell (immagino, non so per quale sensazione, che tu
dell'elettrodinamica di Maxwell che citi non ne sappia niente, ti prego
di correggermi se sbaglio)
dire di sapere è troppo metafisico .........io volo basso e potrò dire fra
un po almeno qualcosa che l'elettrodinamica di Maxwell omette ........
Post by Woodridge
e' "contenuta", a saperla vedere, tutta la
relativita'.
aggrappatevi bene alle rocce in questa cordata di contenitori contenenti
certezze sicure
Post by Woodridge
"Contenuta" tra virgolette, gli addetti ai lavori mi capiscono.
Il punto e' proprio in quel "a saperla vedere".
fra un po mi direte perchè non avete visto o sottovalutato quello che vi
dirò
come promesso agli aspslistati e non .... in occasione di un certo
anniversario anticipo sui tempi la promessa relativa alla "polpetta" per
sapere se nell'elettrodinamica di Maxwell c'è anche questo


http://www.asps.it/procedure.htm

http://www.asps.it/Vol23.htm

Nova Astronautica issn: 0393-1005, Vol.23 n.98 2003
Post by asps
Post by Woodridge
Saluti
Woodridge
E.Laureti
E.Laureti
Enrico Smargiassi
2003-10-08 15:21:08 UTC
Permalink
Post by asps
"relazioni" che si chiamano con il suo nome
E cosi' le chiamava Einstein. Non esattamente un comportamento da
plagiario, non trovi? Rimane poi la fondamentale insensatezza
dell' accusa di plagio: uno plagia i lavori di persone *meno*
famose, non *piu'* famose.
Post by asps
come il fatto che E=mc^2 sta dentro
l'elettrodinamica di Maxwell e non dentro la RR
Certo, non e' un mistero che sia una conseguenza della meccanica
+ elettrodinamica classica:

http://www-dft.ts.infn.it/~esmargia/physics/emc2.html


Non bisogna pero' a dimenticare che la RR la estende a tutte le
interazioni, e che la RR e' molto, ma molto di piu' di E=mc^2.
Post by asps
cmq il fatto che l'Albert fosse un mateficente incapace di
ogni piu` pallida attivita` sperimentale
Questo "fatto", ahite', e' falso. Chiaramente l'abilita'
sperimentale di E. non stava nemmeno lontanamente alla pari con
quella teorica, ma in laboratorio si comportava piu' che
dignitosamente e ci sono diversi lavori sperimentali a suo nome.
Per esempio, De Haas comincio' la sua carriera che lo porto' ad
essere il maggior esperto sul magnetismo della materia proprio
andando a fare un esperimento da E.

--
Enrico Smargiassi
http://www-dft.ts.infn.it/~esmargia
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
EVO6
2003-10-09 11:45:51 UTC
Permalink
Post by asps
Albert Einstein, The Incorrigible Plagiarist
CUT
-----------------
Siete "prigionieri"del sogno,svegliatevi!!!!

Continua a leggere su narkive:
Loading...