Discussione:
L'IRRAZIONALITA' DEGLI ATEI
(troppo vecchio per rispondere)
ANTONIO BRUNO
2013-12-20 14:02:37 UTC
Permalink
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da fare
per dimostrare che Dio non esiste, con quanto zelo vengano scritti libri
su libri pieni di odio verso Dio.
Sembra quasi che Dio sia per loro un'ossessione (e infatti è proprio
così), come dimostra la vita di Richard Dawkins dedicata inutilmente
alla dimostrazione dell'inesistenza di Dio e al tentativo di convertire
all'ateismo.
Dico inutilmente perché l'ha affermato lui stesso al Corriere della Sera
prima di andare in pensione: "Ho fallito" (vedi qui).

Più si affannano contro Dio e più dimostrano, così, la Sua esistenza e
la Sua enorme attualità.

L'ateismo moderno nasce nel '900 dopo il boom dell'evoluzione
scientifica in cui alcuni uomini hanno creduto di poter essere Dio. Ma,
evidentemente accortisi di non riuscire a metterLo da parte neanche con
la scienza, hanno cominciato a ribellarsi (vedi qui le posizioni della
ragione di fronte al Mistero).
La loro ragione si ribella, invece di essere umile, perché riconoscendo
Dio capisce di non poter misurare tutto:
avete mai visto i bambini che fanno i capricci?

Gli atei desiderano fare una breccia nel muro (come ho sentito di
recente da Raffaele Carcano -segretario della UAAR-), ma la breccia
giustifica l'esistenza del muro, e quindi Dio.

Gli atei moderni si sbattezzano, ma è proprio sbattezzandosi che
dimostrano di credere al valore cattolico del Battesimo, altrimenti non
avrebbe ragione essere contro un pò d'acqua fresca sulla testa e a una
bella cerimonia di famiglia. Nasce così la barzelletta: "Sai come si
sbattezzano quelli della UAAR?" "Con il phone".

Gli atei moderni fanno una fatica enorme per smentire Dio, impiegano le
loro giornate sui blog a pubblicare articoli contro Dio, ore e ore,
tempo su tempo per scrivere libri su libri, per promuovere l'ateismo
nelle università, notti intere a spulciare gli archivi per cercare di
estrapolare le contraddizioni della Chiesa e dei Papi, lunghi weekend
sottratti alla famiglia per partecipare ai seminari e convegni della
UAAR ad imparare filastrocche contro Dio e il cristianesimo e ad
ascoltare, per ore, frasi frustranti, dettate dal capriccio e senza
attendibilità, del tipo: "Non abbiamo nessuna verità e nessuna verità
c'è, non possediamo nessuna certezza, non vogliamo che Dio esista, siamo
scheletri che camminano, siamo polvere senza senso e polvere torneremo,
siamo condannati a morte dal giorno della nascita, tutto l'amore per il
destino e la felicità dei nostri figli è originato da fredde reazioni
chimiche organiche, la passione per il destino di nostra moglie è puro
istinto sessuale e animale per il mantenimento della specie, siamo
parentesi tra il "non c'ero" e il "non ci sarò", siamo solo scimmie
nude, tutta l'esigenza di bene, di senso e di felicità che abbiamo nel
nostro profondo è solo immaginazione, è frutto di preadattamenti
all'ambiente, altro non siamo che recipienti di razionalità senza scopo,
siamo ammasso di cellule ribelli ecc...".
Poi però scrivono sugli autobus e sui cartelloni pubblicitari: "Dio non
c'è, goditi la vita". Goditi la vita????

Cito alcune frasi di Vittorio Sgarbi: "Voi non siete atei, siete
religiosi! I veri atei non sono quelli "contro" Dio, sono i "senza" Dio.
Gli atei veri se ne fregano di Dio, se ne sbattono le pa..le di Dio, non
tentano di negarlo".
Queste frasi sono state pronunciate durante Domenica Cinque (programma
di Canale 5) dopo che Isabella Cazzoli, membro della UAAR, (Unione Atei
Agnostici Italiani) ha ripetuto la filastrocca imparata ai seminari
sopracitati.
Vittorio Sgarbi (scrittore e critico d'arte) la interrompe intervenendo
a suo modo (anche contestabile se volete: "sei una capra ignorante") e
ridicolizzandola, affermando però una verità sempre più evidente:
l'irrazionalità atea.

L'ateismo moderno è irrazionale proprio perchè è contro Dio, e non
indifferente ad esso.
Questo essere contro dimostra palesemente che Egli c'è.
Nessuno, infatti, è contro o cerca di dimostrare l'inesistenza di Babbo
Natale, di Cappucetto rosso, dei fantasmi o delle fate turchine immaginarie.

Ecco il video di cui parlo (ringrazio mia sorella per la
segnalazione), in cui Sgarbi insegna alla UAAR cosa vuol dire essere
atei: (clicca qui).


Attenzione: non ho rancore per nessuno, tanto meno per chi si professa
ateo e vive la sua vita coerentemente con la sua scelta.
Anzi, stimo di più queste persone che i finti credenti, credenti
opportunisti o "cattolici adulti".
Non nego, però, di provare un certo fastidio per chi invece si proclama
"orgogliosamente ateo" e vive la sua vita da religioso fanatico.

Chiudo con una frase del grande Gilbert Chesterton:
"Uomini che cominciano a combattere la Chiesa per amore della libertà e
dell'umanità, finiscono per combattere anche la libertà e l'umanità pur
di combattere la Chiesa". (Ortodossia, 1908)

http://dallaragioneallafede.blogspot.it/2009/11/lirrazionalita-degli-atei.html
--
Antonio Bruno

"La maldicenza non risparmia nessun ricercatore della
Verità. Più sei in alto e più sei preso di mira da chi vuole
salire e non ne ha le capacità. Più sai e più diventi il
bersaglio degli ignoranti."
( da una meditazione Sufi)
feynman
2013-12-20 14:14:01 UTC
Permalink
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.

ciao
feynman
Fabam Cattus
2013-12-20 14:25:34 UTC
Permalink
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.

Chi lo fa sono i credenti e tutti sappiamo perché lo fanno.





--
Fabam Cattus
Voluptatem Officium Est
ANTONIO BRUNO
2013-12-20 14:44:30 UTC
Permalink
Mk
2013-12-20 15:01:33 UTC
Permalink
Post by Fabam Cattus
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.
Chi lo fa sono i credenti e tutti sappiamo perché lo fanno.
Insomma, sapete tutto!... Come al solito: fanatici malati di
presunzione...:-)
oppure sanno cio' di cosa parlano, a differenza di te che copincolli a
cazzo di cane da siti di merda.

Mk
--
"That which can be asserted without evidence, can be dismissed without
evidence."
-- Christopher Hitchens (1949 - 2011)
barada
2013-12-20 15:02:04 UTC
Permalink
Post by Fabam Cattus
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.
Chi lo fa sono i credenti e tutti sappiamo perché lo fanno.
Insomma, sapete tutto!... Come al solito: fanatici malati di
presunzione...:-)
--
No ippo bombolo,sei tu che non sai un cazzo:-DD
centromix
2013-12-20 20:34:52 UTC
Permalink
Post by barada
Post by Fabam Cattus
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.
Chi lo fa sono i credenti e tutti sappiamo perché lo fanno.
Insomma, sapete tutto!... Come al solito: fanatici malati di
presunzione...:-)
No ippo bombolo,sei tu che non sai un cazzo:-DD
ma non vedi che riattacca sempre con le stesse stronzate solo per
scassare il cazzo a noi?

Qui ci sono insegnanti : e esso se la piglia con loro perche' si sente
figo (in effetti dimostra la sua irritazione per le bacchettate che
gli davano a scuola)

Qui ci sono persone di scienza : e esso se la piglia con chi usa la
ragione, non con quelli come lui che vanno per ignoranza ad ogni byte
trasmesso

Qui ci sono molti che non credono ne' ai maghi e ne' agli astrologi :
e esso se la piglia con chi gli sfascia il giocattolino

Qui ci sono molti che ascoltano ANCHE cio' che suggerisce il CICAP :
ed esso del CICAP se ne fa una masturbazione mentale,

Qui ci sono persone che non sono mai andate in galera : ed esso crede
di essere creduto con le menzogne che recita e con le stronzate che
posta cercando di rifarsi una verginita' ormai perduta dietro le
grigie sbarre di una galera dove ha soggiornato, a spese nostre, per
un mesetto

Qui c'e' chi si interessa di misteri : ed esso propina ancora i
fantasmi alla belfagor o i copiaincollamenti selvaggi che poi si
ritorcono proprio contro di esso.

Qui c'e' molta gente che impiccherebbe gli spacciatori di acqua
diluita che poi spacciano per "cure omeopatiche" : il Mostro, sperando
di fare incazzare chi usa la ragione.. la perde ogni volta che propina
sarcazzi omeopatici.

Qui molti sono atei : il Mostro di Pergine "pensa" di rompere i
coglions a loro non sapendo pero' che pesci prendere (tanto e' che poi
prende badilate sui denti e sulle dita ogni volta che ci prova,
venendo sistematicamente perculato e mandato a fare in culo)

E molte altre cose ancora

Non sa un cazzo e "pensa" di essere diverso. In effetti diverso lo e',
proprio perche' non capisce un cazzo.

Lo lasciamo perdere allora, non replicandogli piu'? Secondo me dopo o
sparisce o continuera' a parlare da solo, massimo in compagnia del suo
amico di merda crenimo.

Marco C.
--

A uso e consumo dei boccalones di IDU e IDM, come ad esempio i Troll
A.RB.EL, ***@gigivi241170i.it, MultiNick (prima"creative" poi
"Galli" ora "Sergej"), Synth Mania, Jinn-jinx ora "droll jinx" Kufon,
65C02, Cremino/Fuffaro/Noizn/Caporal/El Filibustero (quello finto), ARASHE,
EMIDIO LAURETI, Erminio Ottone, Antonio Bruno, ***@gmail.com e
Andreas Brehme o anche Andreas B. o "AndBr", che hanno la beota capacita'
di bersi acriticamente tutto in un solo colpo senza capirciuna minchia :

Loading Image...
Loading Image...
http://www.animamia.net/gli-incredibili-prodotti-della-ditta-same-govj/

mentre l'oppio per i credulons e' credere alle guarigioni "miracolose" :

Loading Image...
DrMorbius
2013-12-20 17:34:39 UTC
Permalink
Post by Fabam Cattus
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.
Insomma, sapete tutto!... Come al solito: fanatici malati di
presunzione...:-)

Visto che mi considero Ateo stai per caso dicendo che sono un fanatico
,malato di presunzione ?


DrMorbius
Aymar
2013-12-20 15:46:45 UTC
Permalink
Post by Fabam Cattus
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.
Chi lo fa sono i credenti e tutti sappiamo perché lo fanno.
L'altro giorno una cattolica si è *offesa* perché ho *linkato su
facebook* una *battuta di Stefano Benni*: "Se dio non esiste, ci fa una
figura migliore".
C'è un integralismo che cova sotto la cenere che trovo un po' allarmante...
--
"Ricordati che le donne te le scopi,
ma i telescopi non te le donne." (G. Galilei)
https://groups.google.com/group/it.discussioni.misteri/msg/341453b51fd4987e
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo306892.shtml
http://www.asaap.org/antoniobruno.htm
Mk
2013-12-20 15:59:27 UTC
Permalink
Post by Fabam Cattus
Post by feynman
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da
fare per dimostrare che Dio non esiste
è più impressionante leggere quante sciocchezze sei in grado di
scrivere.
Anche perché ad un ateo non frega niente di convincere la gente.
Chi lo fa sono i credenti e tutti sappiamo perché lo fanno.
L'altro giorno una cattolica si è *offesa* perché ho *linkato su facebook*
una *battuta di Stefano Benni*: "Se dio non esiste, ci fa una figura
migliore".
C'è un integralismo che cova sotto la cenere che trovo un po' allarmante...
in una societa' che diventa sempre piu' laica, i privilegi delle
religioni dominanti (cattolica in italia, battista nel sud est degli
usa) tendono a perdersi per garantire diritti a tutti a prescindere
dalla religione di appartenenza.

in america gli ultrareligiosi (creazionisti come il nostro amico OP)
hanno gia' cominciato col tam tam mediatico che descrive i cristiani
come perseguitati e in minoranza, due attributi che non rispondono alla
realta' ma su cui fox news basa gran parte della propria programmazione
(e da cui escono derive che solo una popolazione idiota e costantemente
schermata dai fatti si beve, equazioni tipo obama = muslim - o nazi, o
socialist)

di questo se ne rendono conto pure quelli che si offendono alle battute
di benni, solo che quello che altri vedono come normale discussione in
una societa' che va via via perdendo taboo, il bigotto lo vive come una
perdita di diritti che non sono mai stati contestati.

Mk
--
"That which can be asserted without evidence, can be dismissed without
evidence."
-- Christopher Hitchens (1949 - 2011)
Aymar
2013-12-20 16:12:47 UTC
Permalink
quello che altri vedono come normale discussione in una societa' che va
via via perdendo taboo, il bigotto lo vive come una perdita di diritti
che non sono mai stati contestati.
E' stupefacente - in negativo - appurare come per certe (troppe!)
persone "diritto" (di credo) equivalga a *censurare* l'opinione altrui.

Un completo ribaltamento: la parola "diritto" diventa "prepotenza" >_<

E fosse solo un problema di opinioni, un discorso di sofismi, va beh...
ma vanno a intaccare spesso i diritti civili.
--
"Ricordati che le donne te le scopi,
ma i telescopi non te le donne." (G. Galilei)
https://groups.google.com/group/it.discussioni.misteri/msg/341453b51fd4987e
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo306892.shtml
http://www.asaap.org/antoniobruno.htm
Mk
2013-12-20 17:19:38 UTC
Permalink
quello che altri vedono come normale discussione in una societa' che va
via via perdendo taboo, il bigotto lo vive come una perdita di diritti
che non sono mai stati contestati.
E' stupefacente - in negativo - appurare come per certe (troppe!) persone
"diritto" (di credo) equivalga a *censurare* l'opinione altrui.
l'opinione? :)
luca coscioni non ha potuto usare le staminali perche' la cosa turbava
la coscienza dei cattolici. e insieme a lui un sacco di altra gente che
si ritrova a dover vivere (e morire con) le imposizioni del diritto di
credo della maggioranza pur non credendo alle stesse cose.
Un completo ribaltamento: la parola "diritto" diventa "prepotenza" >_<
la prepotenza viene dalla sottomissione che in realta' e molto
velatamente vogliono vedere: tu non puoi offendere il loro dio dove per
offesa s'intende tutto cio' che non gli garba.
E fosse solo un problema di opinioni, un discorso di sofismi, va beh... ma
vanno a intaccare spesso i diritti civili.
che abbiamo visto che non possono convivere in societa' religiose.
viceversa, piu' laica e' la societa' e meglio si vive sotto qualsiasi
standard e la cosa rimane vera a prescindere dalla minoranza di cui si
fa parte.

recentemente (paio d'anni, forse) davanti al palazzo del governatore
della capitale dell'oklahoma i fondamentalisti l'hanno spuntata e
c'hanno piazzato i 10 comandamenti (LOL). adesso anche gli hindu e i
satanisti (ma immagino anche tutti gli altri) vogliono innalzare
monumenti alla propria fede la' davanti e i cristiani s'incazzano (e
chiagnono di persecuzione). accussi' s'imparano a non tenere stato e
chiesa separati.

Mk
--
"That which can be asserted without evidence, can be dismissed without
evidence."
-- Christopher Hitchens (1949 - 2011)
Bhisma
2013-12-20 19:07:28 UTC
Permalink
Post by Mk
equazioni tipo obama = muslim - o nazi, o
socialist.
De', ci sarà mica passato i' Socratis?

Saluti da Bhisma
--
...e il pensier libero, è la mia fé!
Mk
2013-12-20 19:12:13 UTC
Permalink
Post by Bhisma
Post by Mk
equazioni tipo obama = muslim - o nazi, o
socialist.
De', ci sarà mica passato i' Socratis?
SBROLF

Mk
--
"That which can be asserted without evidence, can be dismissed without
evidence."
-- Christopher Hitchens (1949 - 2011)
Fabam Cattus
2013-12-20 17:25:34 UTC
Permalink
On Fri, 20 Dec 2013 16:46:45 +0100, Aymar
Post by Aymar
C'è un integralismo che cova sotto la cenere che trovo un po' allarmante...
Mi si dice, da fonti attendibili, che se un musulmano integralista, di
quelli cattivi cattivi, ti cattura puoi cavartela se sei cristiano o
buddista o quello che ti pare. Ma se gli dici di essere ateo di
ammazza su due piedi.




--
Fabam Cattus
Voluptatem Officium Est
Mk
2013-12-21 12:18:16 UTC
Permalink
Post by Fabam Cattus
On Fri, 20 Dec 2013 16:46:45 +0100, Aymar
Post by Aymar
C'è un integralismo che cova sotto la cenere che trovo un po' allarmante...
Mi si dice, da fonti attendibili, che se un musulmano integralista, di
quelli cattivi cattivi, ti cattura puoi cavartela se sei cristiano o
buddista o quello che ti pare. Ma se gli dici di essere ateo di
ammazza su due piedi.
inoltre, la pena per apostassia e' la morte.
non puoi rinunciare all'islam.
che culo.

Mk
--
----Android NewsGroup Reader----
http://www.piaohong.tk/newsgroup
massivan
2013-12-20 14:27:47 UTC
Permalink
"ANTONIO BRUNO"
E' impressionante quanto il fervore e la religiosità atea si dia da fare
per dimostrare che Dio non esiste, con quanto zelo vengano scritti libri
su libri pieni di odio verso Dio.
Sembra quasi che Dio sia per loro un'ossessione (e infatti è proprio
così), come dimostra la vita di Richard Dawkins dedicata inutilmente
alla dimostrazione dell'inesistenza di Dio e al tentativo di convertire
all'ateismo.
"massivan"

Tu la scampi proprio perché non esiste,
mentre la legge italiana è lasca.

Proprio per la sua "non esistenza" milioni
di bambini muoiono di fame, di cancro e altre
malattie. Se invece esiste è delinquente o
indifferente.

Qui c'è un elenco di atei famosi,
delinquenti e galantuomini.



Gli atei famosi:



A

Douglas Adams (1952): scrittore.
Giorgio Albertazzi (1923): attore e regista teatrale.
Tariq Ali (1943): saggista.
Woody Allen (1935): attore e regista cinematografico, Premio Oscar.
Salvador Allende (1908): Presidente del Cile.
Pedro Almodóvar (1951): regista cinematografico.
Louis Althusser (1918): filosofo.
Claudio Amendola (1963): attore cinematografico e televisivo.
Anassagora di Clazomene (circa 500 ante era volgare): filosofo.
Piero Angela (1928): giornalista e divulgatore scientifico.
Theo Angelopoulos (1935): regista cinematografico.
Michelangelo Antonioni (1912): regista cinematografico.
Louis Aragon (1897): poeta e romanziere.
Roberto Ardigò (1828): filosofo.
Aristippo (ca. 435 a.e.v.): filosofo.
Lance Armstrong (1971): ciclista.
Fernando Arrabal (1932): drammaturgo.
Francisco Ascaso (1901): sindacalista.
Isaac Asimov (1920): scrittore.
Mustafa Kemal Atatürk (1881): presidente della Turchia.
Corrado Augias (1935): scrittore e giornalista.
Paul Auster (1947): scrittore.
Alfred Jules Ayer (1910): filosofo.

B
Michelle Bachelet (1951): Presidente del Cile.
Francis Bacon (1909): pittore.
Michail Bakunin (1814): anarchico, rivoluzionario.
Laura Balbo (1933): sociologa, ministro della Repubblica.
Enzo Baldoni (1948): giornalista.
Antonio Banderas (1960): attore cinematografico.
Javier Bardem (1969): attore cinematografico.
Alessandro Baricco (1958): scrittore.
Simone de Beauvoir (1908): scrittrice e filosofa.
Katia Bellillo (1951): ministro della Repubblica.
Marco Bellocchio (1939): regista cinematografico.
Monica Bellucci (1964): attrice e modella.
Baruj Benacerraf (1920): Premio Nobel per la medicina.
Carmelo Bene (1937): attore e regista teatrale.
Jeremy Bentham (1748): filosofo.
Ingmar Bergman (1918): regista cinematografico.
Luciano Berio (1925): compositore.
Enrico Berlinguer (1922): uomo politico.
Bernardo Bertolucci (1941): regista cinematografico, Premio Oscar.
Paul Bettany (1971): attore cinematografico.
Jello Biafra (1958): musicista, leader dei Dead Kennedys.
Francesco Bianconi (1973): musicista, leader dei Baustelle.
Ambrose Bierce (1842): scrittore.
Bione di Boristene (III secolo a.e.v.): filosofo e poeta.
Claudio Bisio (1957): attore e presentatore televisivo.
Björk (1965): musicista e cantante.
Marc Bloch (1886): storico.
Norberto Bobbio (1909): filosofo e storico del pensiero politico.
Giorgio Bocca (1920): giornalista e scrittore.
Simón Bolívar (1783): patriota sudamericano.
Emma Bonino (1948): ministro della Repubblica.
Elena Georgevna Bonner (1923): attivista per i diritti umani.
Paolo Bonolis (1961): conduttore televisivo.
Jorge Luis Borges (1899): scrittore.
Francesco Saverio Borrelli (1930): magistrato.
Pierre Boulez (1925): compositore e direttore d'orchestra.
Paul Delos Boyer (1928): Premio Nobel per la chimica.
Ray Bradbury (1920): scrittore.
Billy Bragg (1957): cantautore.
Marlon Brando (1924): attore cinematografico, Premio Oscar.
Richard Branson (1950): imprenditore.
Tinto Brass (1933): regista cinematografico.
Georges Brassens (1921): chansonnier.
Bertolt Brecht (1898): drammaturgo e poeta.
Gianni Brera (1919): giornalista.
Mercedes Bresso (1944): Presidente della Regione Piemonte.
Leonid Brežnev (1906): uomo politico, segretario del Partito Comunista
dell'Unione Sovietica.
Renato Brunetta (1950): economista, ministro della Repubblica.
Ludwig Büchner (1824): medico e filosofo.
Peter Buck (1956): musicista, fondatore dei R.E.M.
Gesualdo Bufalino (1920): scrittore.
Charles Bukowski (1920): scrittore.
Mario Bunge (1919): filosofo.
Luis Buñuel (1900): regista cinematografico.
Richard Burton (1925): attore cinematografico.
Aldo Busi (1948): scrittore.
Dino Buzzati (1906): scrittore.
Amanda Bynes (1986): attrice.
George Gordon Byron (1788): poeta.

C
Massimo Cacciari (1944): filosofo e sindaco di Venezia.
Luigi Cagni (1950): ex calciatore, allenatore.
Robert Cailliau (1947): informatico, co-inventore del World Wide Web.
James Callaghan (1912): primo ministro britannico.
Italo Calvino (1923): scrittore.
Andrea Camilleri (1925): scrittore.
Dino Campana (1885): poeta.
Albert Camus (1913): Premio Nobel per la letteratura.
Luciano Canfora (1942): storico.
George Carlin (1937): comico.
Rudolf Carnap (1891): filosofo.
Carneade di Cirene (214 a.e.v.): filosofo.
John Carpenter (1948): regista cinematografico.
Asia Carrera (1973): pornostar.
Carlo Cassola (1917): scrittore.
Fidel Castro (1926): Presidente di Cuba.
Guido Cavalcanti (1255): poeta.
Alessandro Cecchi Paone (1961): giornalista e conduttore tv.
Charlie Chaplin (1889): attore e regista cinematografico, Premio Oscar.
Vere Gordon Childe (1892): archeologo
Noam Chomsky (1928): linguista.
Chu Hsi (1130): filosofo.
Emil Cioran (1911): filosofo.
Helen Clark (1950): primo ministro neozelandese.
Arthur C. Clarke (1914): scrittore.
Georges Clemenceau (1841): primo ministro francese.
George Clooney (1961): attore cinematografico.
Lucio Colletti (1924): filosofo.
Auguste Comte (1798): sociologo.
André Comte-Sponville (1952): filosofo.
Jean Antoine Caritat, marchese di Condorcet (1743): filosofo.
Joseph Conrad (1857): scrittore.
Robin Cook (1946): ministro degli esteri del Regno Unito.
Lella Costa (1952): attrice e scrittrice.
Maurizio Costanzo (1938): giornalista e presentatore televisivo.
Michael Crichton (1942): scrittore.
Francis Crick (1916): Premio Nobel per la medicina, co-scopritore della
struttura del DNA.
Simone Cristicchi (1977): cantautore.
Cristina di Svezia (1626): regina.
Crizia (460 a.e.v.): politico e scrittore.
Benedetto Croce (1866): filosofo.
David Cronenberg (1943): regista cinematografico.
Pierre Curie (1859): Premio Nobel per la fisica.
Sandro Curzi (1930): giornalista.
Savinien Cyrano de Bergerac (1619): poeta.

D
Stig Dagerman (1923): scrittore
Massimo D'Alema (1949): Presidente del Consiglio.
Charles Darwin (1809): naturalista, padre dell'evoluzionismo.
Richard Dawkins (1941): biologo.
Daniel Day-Lewis (1957): attore cinematografico, Premio Oscar.
Fabrizio De André (1940): cantautore.
Régis Debray (1940): scrittore.
Luciano De Crescenzo (1928): ingegnere e scrittore.
Gilles Deleuze (1925): filosofo.
Erri De Luca (1950): scrittore.
Ernesto De Martino (1908): antropologo.
Francesco De Martino (1907): uomo politico.
Democrito (460 a.e.v.): filosofo.
Catherine Deneuve (1943): attrice cinematografica.
Daniel C. Dennett (1942): filosofo.
Jacques Derrida (1930): filosofo.
Karlheinz Deschner (1924): storico del cristianesimo.
John Dewey (1859): filosofo e pedagogista.
Diagora di Melo (ca. V secolo a.e.v.): poeta.
Denis Diderot (1713): filosofo e scrittore.
Marlene Dietrich (1901): attrice cinematografica.
Ani DiFranco (1970): cantautrice.
Oliviero Diliberto (1956): ministro della giustizia.
Paul Adrien Maurice Dirac (1902): Premio Nobel per la fisica.
Renato Dulbecco (1914): Premio Nobel per la medicina.
Émile Durkheim (1858): sociologo.
Buenaventura Durruti (1896): sindacalista e rivoluzionario.
Bob Dylan (1941): cantautore.

E
George Eastman (1854): pioniere della fotografia.
Bret Easton Ellis (1964): scrittore.
Clint Eastwood (1930): attore e regista cinematografico, Premio Oscar.
Umberto Eco (1932): semiologo e scrittore.
Thomas Alva Edison (1847): inventore.
Zac Efron (1987): attore.
Elisabetta I d'Inghilterra (1533): regina.
Sergio Endrigo (1933): cantautore.
Friedrich Engels (1820): filosofo.
Brian Eno (1948): musicista.
Paul Erdos (1913): matematico
Euripide (480 a.e.v.): autore tragico.
Evemero di Messene (330 a.e.v.): storico.

F
Oriana Fallaci (1929): giornalista e scrittrice.
Federico II di Prussia (1712): re di Prussia.
Vittorio Feltri (1943): giornalista.
Enzo Ferrari (1898): costruttore automobilistico.
Francisco Ferrer y Guardia (1859): libero pensatore e anarchico.
Luc Ferry (1951): filosofo.
Ludwig Feuerbach (1804): filosofo.
Richard Feynman (1918): Premio Nobel per la fisica.
Filodemo di Gadara (110 a.e.v.): filosofo.
Eugenio Finardi (1952): cantautore.
Massimo Fini (1943): giornalista e scrittore.
Paolo Flores d'Arcais (1944): filosofo.
Dario Fo (1926): Premio Nobel per la letteratura.
Arnoldo Foà (1916): attore.
Vittorio Foa (1910): politico e sindacalista
Henry Fonda (1905): attore cinematografico, premio Oscar.
Richard Ford (1944): scrittore.
Ivano Fossati (1951): musicista, cantautore.
Jodie Foster (1962): attrice cinematografica, premio Oscar.
Michel Foucault (1926): filosofo.
Paula Fox (1923): scrittrice.
Anatole France (1844): scrittore.
Betty Friedan (1921): femminista, co-fondatrice del NOW.
Sigmund Freud (1856): fondatore della psicoanalisi.
Francesco Paolo Frontini (1860): musicista e compositore.
Massimiliano Fuksas (1944): architetto.

G
Jurij Gagarin (1934): astronauta, il primo uomo nello spazio.
Umberto Galimberti (1942): filosofo e psicoanalista.
Noel Gallagher (1967): musicista, leader degli Oasis.
Giuseppe Garibaldi (1807): patriota.
Bill Gates (1955): imprenditore, fondatore di Microsoft.
Bob Geldof (1954): cantante e attivista umanitario.
Emilio Gentile (1956): storico
Murray Gell-Mann (1929): Premio Nobel per la fisica.
Giovanni Gentile (1875): filosofo.
André Gide (1869): Premio Nobel per la letteratura.
David Gilmour (1946): musicista, leader dei Pink Floyd.
Giulio Giorello (1945): filosofo della scienza.
Jean Luc Godard (1930): regista cinematografico.
Mikhail Gorbacëv (1931): uomo politico, segretario del Partito
Comunista dell'Unione Sovietica, Premio Nobel per la pace.
Nadine Gordimer (1923): Premio Nobel per la letteratura.
Stephen Jay Gould (1941): biologo evoluzionista.
Antonio Gramsci (1891): fondatore del Partito Comunista Italiano.
A.C. Grayling (1949): filosofo.
Stephen Greenblatt (1943): critico letterario.
Germaine Greer (1939): leader del movimento femminista.
Ugo Gregoretti (1930): regista cinematografico.
Matt Groening: creatore dei Simpsons.
David Grossman (1954): scrittore
Francesco Guccini (1940): cantautore.
Giordano Bruno Guerri (1950): storico e scrittore.
Ernesto "Che" Guevara (1928): medico e rivoluzionario.
Renato Guttuso (1911): pittore.

H
Jürgen Habermas (1929): filosofo.
Margherita Hack (1922): astrofisica.
Maximilian Harden (1861): giornalista.
Godfrey Harold Hardy (1877): matematico.
Thomas Hardy (1840): poeta e scrittore.
Sam Harris (1967): saggista.
Herbert A. Hauptman (1917): Premio Nobel per la chimica.
Stephen Hawking (1942): fisico.
Friedrich von Hayek (1899): Premio Nobel per l'economia.
Hugh Hefner (1926): editore, creatore di Playboy.
Martin Heidegger (1899): filosofo.
Heinrich Heine (1797): poeta.
Robert Heinlein (1907): scrittore.
Claude-Adrien Helvétius (1715): filosofo.
Ernest Hemingway (1899): Premio Nobel per la letteratura.
Hans Werner Henze (1926): compositore.
Katharine Hepburn (1907): attrice, Premio Oscar.
Helenio Herrera (1916): allenatore di calcio.
Peter Higgs (1929): fisico.
Ayaan Hirsi Ali (1969): politica e scrittrice.
Christopher Hitchens (1949): giornalista e scrittore.
Paul-Henri Thiry d'Holbach (1723): filosofo.
Douglas Hofstadter (1945): accademico
Bob Hoskins (1942): attore cinematografico.
Enver Hoxha (1908): primo ministro albanese.
Hsun Tzu (298 a.e.v.): filosofo.
David Hume (1711): filosofo.
Aldous Huxley (1894): scrittore.
Thomas H. Huxley (1825): biologo.

I
Robert G. Ingersoll (1833): politico e oratore.
Nilde Iotti (1920): Presidente della Camera.

J
Elfriede Jelinek (1946): Premio Nobel per la letteratura.
Billy Joel (1949): cantautore.
Donald Johanson (1943): paleoantropologo, scopritore di "Lucy".
Angelina Jolie (1975): attrice cinematografica, Premio Oscar.
Ernest Jones (1879): psicoanalista.
Lionel Jospin (1937): primo ministro francese.
James Joyce (1882): scrittore.

K
Franz Kafka (1883): scrittore.
Frida Kahlo (1907): pittrice.
Diane Keaton (1946): attrice cinematografica, Premio Oscar.
Nikita Khrušc?v (1894): uomo politico, segretario del Partito Comunista
dell'Unione Sovietica.
Lemmy Kilmister (1945): musicista, leader dei Motorhead.
Alfred Kinsey (1894): sessuologo.
Melanie Klein (1882): psicoanalista.
Kevin Kline (1947): attore cinematografico, Premio Oscar.
Arthur Koestler (1905): scrittore.
Harold W. Kroto (1939): Premio Nobel per la chimica.
Stanley Kubrick (1928): regista cinematografico, Premio Oscar.
Milan Kundera (1929): scrittore.
Hanif Kureishi (1954): scrittore e sceneggiatore.
Paul Kurtz (1925): umanista.
Aleksander Kwasniewski (1954): Presidente della Polonia.

L
Antonio Labriola (1843): filosofo.
Jacques Lacan (1901): filosofo e psicanalista.
Ricardo Lagos (1938): Presidente del Cile.
Luciano Lama (1921): sindacalista.
Julien Offray de La Mettrie (1709): fisico e filosofo.
Burt Lancaster (1913): attore cinematografico, Premio Oscar.
Charles Laughton (1899): attore cinematografico.
Hugh Laurie (1959): attore.
Rita Levi-Montalcini (1909): Premio Nobel per la medicina
David Herbert Lawrence (1885): scrittore.
Eugenio Lecaldano (1940): filosofo.
Bruce Lee (1940): attore cinematografico e maestro di arti marziali.
Spike Lee (1957): regista cinematografico.
Jean-Marie Lehn (1939): Premio Nobel per la chimica.
Mike Leigh (1943): regista cinematografico.
Stanislaw Lem (1921): scrittore.
Lenin: uomo politico, primo segretario del Partito Comunista
dell'Unione Sovietica.
Giacomo Leopardi (1798): poeta.
Leucippo (circa V secolo a.e.v.): filosofo.
Primo Levi (1919): scrittore.
Claude Lévi-Strauss (1908): antropologo.
Paolo Limiti (1940): autore e conduttore televisivo, autore di testi.
Alfred Loisy (1857): teologo.
Howard Phillips Lovecraft (1890): scrittore.
Nanni Loy (1925): regista cinematografico e televisivo.
Tito Lucrezio Caro (90 a.e.v.): poeta.
Joyce Lussu (1912): scrittrice e partigiana.
Daniele Luttazzi (1961): comico e umorista.
Lelio Luttazzi (1923): conduttore radiofonico.

M
Seth MacFarlane (1973): sceneggiatore, creatore de I Griffin e American
Dad!
Ernst Mach (1838): fisico e filosofo.
Dànilo Mainardi (1933): etologo.
Bronislaw Malinowski (1884): antropologo.
John Malkovich (1953): attore cinematografico.
André Malraux (1901): scrittore e uomo politico.
Nino Manfredi (1921): attore e regista.
Thomas Mann (1875): Premio Nobel per la letteratura.
Fiorella Mannoia (1954): cantante.
Mao Zedong (1893): uomo politico, presidente del Partito Comunista
Cinese.
Herbert Marcuse (1898): filosofo.
Christopher Marlowe (1564): poeta e drammaturgo.
Michael Martin: filosofo.
Valerio Mastandrea (1972): attore cinematografico.
Marcello Mastroianni (1924): attore cinematografico.
Charles Maurras (1868): uomo politico francese.
Karl Marx (1818): filosofo ed economista.
Ernst Mayr (1905): biologo.
Ian McEwan (1948): scrittore.
Colin McGinn (1950): filosofo.
Ian McKellen (1939): attore cinematografico.
Peter Brian Medawar (1915): Premio Nobel per la medicina.
Maurice Merleau-Ponty (1908): filosofo.
Jean Meslier (1664): sacerdote.
Giovanna Mezzogiorno (1974): attrice.
Adam Michnik (1946): giornalista, attivista dei diritti umani.
Massimo Mila (1910): musicologo.
John Stuart Mill (1806): filosofo ed economista.
Arthur Miller (1915): drammaturgo.
Slobodan Miloševic (1941), Presidente serbo.
Octave Mirbeau (1848): scrittore.
François Mitterrand (1916): Presidente francese.
Claude Monet (1840): pittore.
Mario Monicelli (1915): regista cinematografico.
Jacques Monod (1910): Premio Nobel per la medicina.
Indro Montanelli (1909): giornalista.
Julianne Moore (1960): attrice cinematografica.
Laura Morante (1956): attrice cinematografica.
Alberto Moravia (1907): scrittore.
Nanni Moretti (1953): regista e attore cinematografico.
Edgar Morin (1921): filosofo e sociologo.
Desmond Morris (1928): zoologo.
Mo Mowlam (1949): politica.
Benito Mussolini (1883): Presidente del consiglio.

N
Vladimir Vladimirovic Nabokov (1899), scrittore.
Thomas Nagel (1937), filosofo.
Giorgio Napolitano (1925): uomo politico italiano, Presidente della
Repubblica.
Taslima Nasreen (1962): scrittrice.
Jawaharlal Nehru (1889). Primo ministro indiano.
Pablo Neruda (1904): Premio Nobel per la letteratura.
John von Neumann (1903): matematico.
Randy Newman (1943): musicista, Premio Oscar.
Oscar Niemeyer (1907): architetto.
Friedrich Nietzsche (1844): filosofo.
Luigi Nono (1924): compositore.

O
Piergiorgio Odifreddi (1950): matematico, logico e saggista.
Juan Carlos Onetti (1909): scrittore.
Michel Onfray (1959): filosofo.
George Orwell (1903): scrittore.
Moni Ovadia (1946): attore teatrale.
Ferzan Ozpetek (1959): regista cinematografico.

P
Livio Paladin (1933): giurista.
Grace Paley (1922): scrittrice e poetessa.
Ohran Pamuk (1952): Premio Nobel per la letteratura.
Gianpaolo Pansa (1935): giornalista.
Goffredo Parise (1929): scrittore.
Giovanni Pascoli (1855): poeta.
Pier Paolo Pasolini (1922): poeta, scrittore, regista cinematografico.
Linus C. Pauling (1901): Premio Nobel per la chimica e per la pace.
Cesare Pavese (1908): scrittore.
Sean Penn (1960): attore cinematografico, Premio Oscar.
Marcello Pera (1943): Presidente del Senato.
Sandro Pertini (1896): Presidente della Repubblica.
Massimo Pigliucci (1964): genetista.
Steven Pinker (1954): scienziato del linguaggio.
Pirrone (circa 360 a.e.v.): filosofo.
Valerio Pocar (1944): sociologo del diritto.
Roman Polanski (1933): regista cinematografico, Premio Oscar.
Pol Pot (1925): primo ministro cambogiano.
Karl Popper (1902): filosofo della scienza.
Jacques Prévert (1900): poeta.
Giuseppe Prezzolini (1882): scrittore e giornalista.
Anna Proclemer (1923): attrice teatrale.
Prodico di Ceo (465 a.e.v.): filosofo.
Protagora (481 a.e.v.): filosofo.
Pierre-Joseph Proudhon (1809): filosofo.
Marcel Proust (1871): scrittore.
Luigi Pulci (1432): scrittore.
Philip Pullman (1946): scrittore.

R
Walter Raleigh (1552): navigatore.
Franca Rame (1929): attrice.
James Randi (1928): prestigiatore.
Mario Rapisardi (1844): poeta.
Lidia Ravera (1955): scrittrice e giornalista.
Christopher Reeve (1952): attore cinematografico.
Keanu Reeves (1964): attore cinematografico.
Wilhelm Reich (1897): psicanalista.
Ernest Renan (1823): scrittore e filosofo.
Giuseppe Rensi (1871): filosofo.
Jean-François Revel (1924): filosofo.
Trent Reznor (1965): musicista, leader dei Nine Inch Nails.
Dino Risi (1916): regista e sceneggiatore.
Diego Rivera (1886): pittore.
Gene Roddenberry (1921): ideatore di Star Trek.
Stefano Rodotà (1933): giurista e uomo politico.
Richard Rorty (1931): filosofo.
Rossana Rossanda (1924): giornalista.
Roberto Rossellini (1906): regista cinematografico.
Ernesto Rossi (1897): scrittore e uomo politico.
Vasco Rossi (1953): cantante.
Jean Rostand (1894): biologo e filosofo.
Henry Roth (1906): scrittore.
Philip Roth (1933): scrittore.
Joanne Kathleen Rowling (1965): scrittrice, creatrice di Harry Potter.
Arundhati Roy (1961): scrittrice e attivista politica.
Arthur Rubinstein (1887): musicista.
Salman Rushdie (1947): scrittore.
Bertrand Russell (1872): filosofo, Premio Nobel per la letteratura.

S
Ernesto Sabato (1911): scrittore.
Oliver Sacks (1933): neurologo e scrittore.
Marchese de Sade (1740): scrittore.
Carl Sagan (1934): astrofisico.
Françoise Sagan (1935): scrittrice francese.
Antoine de Saint-Exupéry (1900): scrittore.
Andrei Dmitrievic Sakharov (1921): fisico sovietico, Premio Nobel per
la pace.
Sebastião Salgado (1944): fotografo.
Michele Santoro (1951): giornalista e conduttore televisivo.
José Saramago (1922): Premio Nobel per la letteratura.
Jean-Paul Sartre (1905): filosofo, Premio Nobel per la letteratura.
Fernando Savater (1947): filosofo.
Eugenio Scalfari (1924): giornalista.
Arthur Schlesinger Jr. (1917): storico.
Arthur Schopenhauer (1788): filosofo.
Charles M. Schulz (1922): creatore dei Peanuts.
John R. Searle (1932): filosofo.
Amartya K. Sen (1933): Premio Nobel per l'economia.
Michele Serra (1954): giornalista.
Vittorio Sgarbi (1952): critico d'arte e uomo politico.
Omar Sharif (1932): attore.
George Bernard Shaw (1856): drammaturgo.
Percy Bysshe Shelley (1792): poeta.
Peter Singer (1946): filosofo.
Burrhus Frederic Skinner (1904): psicologo.
Maria Sklodowska Curie (1867): Premio Nobel per la chimica.
Jens C. Skou (1918): Premio Nobel per la chimica.
Robert Smith (1959): musicista, leader dei Cure.
Steven Soderbergh (1963): regista cinematografico, Premio Oscar.
Adriano Sofri (1942): uomo politico.
Tullio Solenghi (1949): attore.
George Soros (1930): finanziere.
Mira Sorvino (1967): attrice cinematografica, Premio Oscar.
Wole Soyinka (1934): Premio Nobel per la letteratura.
Altiero Spinelli (1907): uomo politico.
Sergio Staino (1940): autore di fumetti.
Stalin (1878): Uomo politico, segretario generale del Partito Comunista
dell'Unione Sovietica.
Richard Stallman (1953): informatico.
Jack Steinberger (1921): Premio Nobel per la fisica.
Matt Stone (1971): co-creautore di South Park.
Stendhal (1783): scrittore.
Max Stirner (1806): filosofo.
Gino Strada (1948): chirurgo, fondatore di "Emergency".
Stratone di Lampsaco (ca. 340 a.e.v.): filosofo.
Richard Strauss (1864): compositore.
Meryl Streep (1949): attrice cinematografica, Premio Oscar
Donald Sutherland (1935): attore cinematografico.

T
Charles Maurice de Talleyrand-Périgord (1754): diplomatico.
Emma Thompson (1959): attrice cinematografica, Premio Oscar.
Tito (Josip Broz) (1892): Presidente della Repubblica Socialista di
Jugoslavia.
Palmiro Togliatti (1893): Uomo politico.
Giuseppe Tornatore (1956): regista cinematografico.
Linus Torvalds (1969): informatico, ideatore di Linux.
Oliviero Toscani (1942): fotografo.
Claudia Trieste (1979): miss Italia 1997.
Lev Trockij (1879): uomo politico russo.
Ivan Turgenev (1818): scrittore.
Alan Turing (1912): matematico.
Ted Turner (1938): imprenditore.
Mark Twain (1835): scrittore.

U
Miguel de Unamuno (1864): scrittore.

V
Roberto Vacca (1927): divulgatore scientifico.
Paul Valéry (1871): poeta e scrittore.
Renato Vallanzasca (1940): criminale.
Theo Van Gogh (1957): regista cinematografico.
Giulio Cesare Vanini (1585): filosofo.
Mario Vargas Llosa (1936): scrittore.
Sebastiano Vassalli (1941): scrittore.
Ralph Vaughan Wlliams (1872): compositore.
Eddie Vedder (1964): musicista, leader dei Pearl Jam.
Walter Veltroni (1955): uomo politico, sindaco di Roma.
Ezio Vendrame (1947): calciatore e scrittore.
Jesse Ventura (1951): governatore del Minnesota.
Giuseppe Verdi (1813): compositore.
Luigi Veronelli (1926): enologo.
Umberto Veronesi (1925): oncologo e Ministro della Salute.
Carlo Augusto Viano (1952): storico della filosofia.
Gore Vidal (1925): scrittore.
Claudio Villa (1926): cantante.
Kurt Vonnegut (1922): scrittore.

W
Derek Walcott (1930): Premio Nobel per la letteratura.
Wang Ch'ung (27): filosofo.
James Watson (1928): Premio Nobel per la medicina, co-scopritore della
struttura del DNA.
Max Weber (1864): sociologo.
Steven Weinberg (1933): Premio Nobel per la fisica.
H.G. Wells (1866): scrittore.
Joss Whedon (1964): creatore di Buffy the Vampire Slayer (Buffy
l'ammazzavampiri).
Barry White (1944): cantante.
Virginia Woolf (1882): scrittrice.

Y
Abraham Yehoshua (1936): scrittore.

Z
José Luis Rodriguez Zapatero (1960): primo ministro spagnolo.
Frank Zappa (1940): musicista.
Slavoj Žižek (1949): filosofo.
Émile Zola (1840): scrittore.
Fabam Cattus
2013-12-20 14:47:13 UTC
Permalink
Post by massivan
Qui c'è un elenco di atei famosi,
delinquenti e galantuomini.
Le liste sono sempre brutte ....





--
Fabam Cattus
Voluptatem Officium Est
ANTONIO BRUNO
2013-12-20 14:50:23 UTC
Permalink
Post by massivan
Qui c'è un elenco di atei famosi,
delinquenti e galantuomini.
Eheheheh... come questo ng dimostra, i "numeri", intesi come elemento di
convincimento o di oggettiva ragione, mi hanno sempre fatto un baffo.
Tuttavia, così, per gioco....

Gli scienziati che credono in Dio sono tutt'altro che pochi

Venerdì 15 Novembre 2013 16:30

Lejeune
Scienziati che credono in Dio? “Sono un’esigua minoranza, ma ci sono”, si
spinge ad ammettere Paolo Flores d’Arcais, intellettuale notoriamente
parco quando si tratta di riconoscere qualche merito al Cristianesimo.

Per la verità basta scorrere le biografie dei principali scienziati
contemporanei e del passato per constatare che il numero è tutt’altro che
esiguo e che il contributo dato è di assoluta rilevanza. Persino in campi
per i quali un consolidato luogo comune vorrebbe assegnare una sorta di
monopolio a scienziati che siano nel contempo atei.

Prendiamo ad esempio la genetica. «Il Dio della Bibbia è anche il Dio del
genoma. Egli può essere adorato in una cattedrale o in un laboratorio. La
sua creazione è maestosa, impressionante, intricata e bella. Come
scienziato e credente ho la possibilità di scoprire e studiare
l’incredibile complessità della creazione di Dio”. A dirlo è Francis
Collins, il genetista che ha guidato la ricerca per decifrare il genoma umano.

Diremo di di più. Il riconosciuto fondatore della genetica moderna fu
addirittura un prete cattolico, quel Johann Gregor Mendel che si studia a
scuola per i suoi esperimenti sui piselli. “Le forze della natura agiscono
secondo una segreta armonia, che è compito dell'uomo scoprire per il bene
dell'uomo stesso e la gloria del Creatore», scriveva l’abate Mendel.
Monaco agostiniano, iniziò i suoi esperimenti a metà Ottocento nell’orto
del suo monastero. In dieci anni di studi analizzò 30.000 piante e formulò
con precisione le leggi fondamentali dell’ereditarietà biologica, valide
ancor oggi. Fu il primo ad applicare la statistica e il calcolo delle
probabilità allo studio della genetica.

Un altro nome?

Jérôme Lejeune (1926 - 1994), docente di genetica fondamentale
all'Università di Parigi. Fu lui a scoprire l’anomalia genetica (trisomia
del cromosoma 21) che causa la sindrome di Down. Fu anche un grande medico
e un cristiano convinto: “Non ho mai trovato contraddizioni irriducibili
fra quello che ho appreso da una lunga esperienza scientifica e ciò che mi
è stato trasmesso dalla fede cattolica”, diceva. La ricerca deve saper
andare oltre: “E' assurdo immaginare che il caso sia stato in grado di
costruire una macchina molto più complicata dei grossi computer. Ci deve
essere per forza qualcos'altro. E quest'altra cosa si chiama informazione
o spirito. Ora, come l'informazione e lo spirito siano entrati nella
materia, per diversificarla e dirigerla, lo ignoriamo totalmente”.

Per i suoi lavori sulle patologie cromosomiche era in odore di Premio
Nobel che però mai arrivò in quanto lo scienziato, oltre che cattolico,
era anche irriducibile antiabortista. Una posizione nettissima: “La vita
di ogni individuo ha un inizio ben preciso: il momento della fecondazione.
Questa affermazione non è un'ipotesi formulata da teorici, né un'opinione
dei teologi, ma una constatazione sperimentalo”. Il che gli valse
l’ostracismo di certo mondo accademico nordico. In compenso si guadagnò la
stima e l’amicizia di Giovanni Paolo II e oggi per il professor Lejeune è
avviata la causa di beatificazione.


COSMOLOGIA MODERNA

A sentire certi professoroni che popolano i salotti televisivi sembra che
in parrocchia si stia tutto il giorno ad accanirsi contro Galileo e a
stracciarsi le vesti avendo sentito dire che l’uomo discende dalla
scimmia. Ma sono loro a non raccontarla giusta.

Vogliamo parlare di cosmologia moderna?

Allora possiamo cominciare da Georges Lemaitre (1894–1966),astrofisico
belga, cattolico, pure lui prete. Una bella mente. Allievo di Rutherford,
insegnò poi astronomia, meccanica quantistica, calcolo delle probabilità e
teoria della relatività all’Università di Lovanio. Nel 1927 propose una
soluzione alle equazioni di campo gravitazionale di Einstein provando cosi
l’espansione dell’universo e mettendo le basi di quella che sarebbe poi
stata chiamata la teoria del Big Bang.

Così Lemaitre spiegava il suo essere scienziato/credente:“Fede e ragione,
senza mescolarsi in una miscela imbarazzante e sconveniente, né generare
conflitti immaginari, si uniscono nell'unità dell'attività umana”.

Giusto per restare in tema vale la pena citare anche Wernher von Braun,
l’uomo che con le sue invenzioni ci fece raggiungere la luna. Luterano,
non fece mai mistero della sua profonda fede: “Per me la scienza e la
religione sono due finestre di una casa, attraverso le quali noi vediamo
la realtà del Creatore e le leggi che si manifestano nelle sue creature”.

Per essere scienziati è indispensabile essere materialisti? Von Braun,
come tanti altri, non la pensava così: “Tutto quello che la scienza mi ha
insegnato - e continua ad insegnarmi - rafforza la mia credenza nella
continuazione della nostra esistenza spirituale dopo la morte”.

E certo – si dirà – di fronte all’immensità dello spazio è facile parlare
di Dio.

Ma torniamo pure a terra e vediamo per esempio come la pensava Louis
Pasteur, chimico e padre della microbiologia: “In futuro si riderà sulla
stupidità dei moderni filosofi materialisti. Quanto più io studio la
natura, più io rimango stupito dell’opera del Creatore. Di solito io prego
mentre sono impegnato nel mio lavoro in laboratorio”.



PAROLA DI FISICO

Avete mai sentito quest’altra preghiera?

“O Dio Onnipotente, che hai creato l'uomo a tua propria immagine, e ne hai
fatto un'anima vivente perché egli potesse cercarti e avere potere sulle
tue creature, insegnaci a studiare l'opera delle tue mani in modo che
possiamo sottomettere la terra a nostro uso e rafforzare la nostra ragione
al tuo servizio; e ricevere la tua Parola benedetta, così da aver fede in
Colui che hai mandato a darci conoscenza della salvezza e della
remissione dei nostri peccati. Te lo chiediamo nel nome di quello stesso
Gesù Cristo nostro Signore”.

Questa preghiera l’ha scritta James Clerk Maxwell, matematico e fisico. Fu
enorme la portata dei suoi studi sull’elettromagnetismo e nell’Ottocento
diede una nuova svolta alla fisica. Cristiano evangelico, conosceva a
menadito la Bibbia e le opere dei Padri della Chiesa. Proprio la fede
nella “rivelazione cristiana” alimentò la sua continua ricerca per “non
lasciare nulla di volontariamente inesplorato”.

E con il grande Albert Einstein come la mettiamo?

E’ vero: non aderiva ad alcuna confessione religiosa, ma mai escluse
l’opera di Dio nella creazione. Anzi sosteneva: «Nelle leggi della natura
si rivela una ragione così superiore che tutta la razionalità del pensiero
e degli ordinamenti umani è al confronto un riflesso assolutamente
insignificante. Qual è il senso della nostra esistenza, qual è il
significato dell’esistenza di tutti gli esseri viventi in generale? Il
saper rispondere a una siffatta domanda significa avere sentimenti religiosi”.

Così come molto lo infastidivano certi tentativi di arruolamento : «In
considerazione di tale armonia nel cosmo, che io, con la mia mente umana
limitata, sono in grado di riconoscere, ci sono ancora persone che dicono
che Dio non esiste. Ma ciò che veramente mi fa più arrabbiare è che mi
citano a sostegno di tali opinioni».



SONO COSI’ POCHI?

Michael Faraday, chimico e fisico, formulò le ben note leggi
dell’elettrochimica e fu l’inventore del becco di Bunsen. Era anche un
predicatore protestante che girava per le strade inglesi a predicare il
Vangelo.

John Dalton, uno dei fondatori della chimica moderna, visse in evangelica
povertà impegnandosi tutta la vita nella chiesa di cui faceva parte.

Francesco Faà di Bruno matematico, sacerdote, lo troviamo addirittura tra
i “beati” della Chiesa Cattolica.

Alessandro Volta, fisico e inventore della pila elettrica, andava a Messa
e recitava il rosario tutti i giorni. Faceva pure il catechista per i ragazzi.

Luigi Galvani, lo scopritore dell’elettricità biologica, apparteneva
all’ordine terziario francescano.

Giovanni Keplero, astronomo e matematico, era un devoto cristiano luterano.

Niccolò Copernico, l’uomo della “rivoluzione” nella concezione
dell’universo, prese gli ordini minori della Chiesa Cattolica.

Senza dimenticare che Galileo, prima e dopo il famoso “processo”, fu
convinto e fervente cattolico…

…E poi Giuseppe Mercalli geologo e sacerdote; Angelo Secchi astronomo e
gesuita; Alexander Fleming biologo e farmacologo; Galileo Ferraris
scopritore del campo magnetico rotante; Antonio Stoppani geologo e abate;
Jean Bernard Foucault e James Prescott Joule fisici; Carl Friedrich Gauss
matematico e astronomo; Blaise Pascal matematico; André-Marie Ampere
scopritore dell’elettromagnetismo; Antoine Lavoisier chimico; Joseph Louis
Lagrange matematico e astronomo; Robert Boyle chimico e fisico; Nicola
Cabibbo fisico…

Potremmo ancora andare avanti a lungo in questo elenco di scienziati, di
ieri e di oggi, noti e meno noti, tutti dichiaratamente credenti. Ma
fermiamoci qui. Ce n’è abbastanza per definire l’idea degli intellettuali
alla Flores d’Arcais – che scienziato non è - un semplice pregiudizio.
M.C

(http://www.nichelino.com/content/index.php?option=com_content&view=article&id=3311:gli-scienziati-che-credono-in-dio-sono-tuttaltro-che-pochi&catid=80:inchieste&Itemid=423)
--
Antonio Bruno

"La maldicenza non risparmia nessun ricercatore della
Verità. Più sei in alto e più sei preso di mira da chi vuole
salire e non ne ha le capacità. Più sai e più diventi il
bersaglio degli ignoranti."
( da una meditazione Sufi)
Arne Saknussem
2013-12-20 15:06:24 UTC
Permalink
:: On Fri, 20 Dec 2013 14:02:37 GMT
:: (it.discussioni.misteri)
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante
Loading Image...

si, in effetti lo è :P
--
If at first you don't succeed, bomb disposal probably isn't for you.
Aymar
2013-12-20 15:50:49 UTC
Permalink
Post by Arne Saknussem
:: On Fri, 20 Dec 2013 14:02:37 GMT
:: (it.discussioni.misteri)
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante
http://oi39.tinypic.com/10numo3.jpg
si, in effetti lo è :P
Ehi, non rischiare di far credere che quella roba sia farina del tuo
sacco... quel link era pubblicato qui:

From: "ANTONIO BRUNO" <***@yahoo.it>
Newsgroups: it.discussioni.misteri
Subject: DENUNCIA COMPIUTA
Message-ID: <***@mynewsgate.net>
Date: Thu, 19 Dec 2013 17:04:21 GMT

;-)
--
"Ricordati che le donne te le scopi,
ma i telescopi non te le donne." (G. Galilei)
https://groups.google.com/group/it.discussioni.misteri/msg/341453b51fd4987e
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo306892.shtml
http://www.asaap.org/antoniobruno.htm
Arne Saknussem
2013-12-20 16:05:39 UTC
Permalink
:: On Fri, 20 Dec 2013 16:50:49 +0100
:: (it.discussioni.misteri)
Post by Aymar
Post by Arne Saknussem
:: On Fri, 20 Dec 2013 14:02:37 GMT
:: (it.discussioni.misteri)
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante
http://oi39.tinypic.com/10numo3.jpg
si, in effetti lo è :P
Ehi, non rischiare di far credere che quella roba sia farina del tuo
Newsgroups: it.discussioni.misteri
Subject: DENUNCIA COMPIUTA
Date: Thu, 19 Dec 2013 17:04:21 GMT
;-)
oh, nessun rischio, quel jpg contiene nomi e cognomi; e comunque...

http://al.howardknight.net/msgid.cgi?ID=138752883500

il post è già "archiviato" ;)
--
If at first you don't succeed, bomb disposal probably isn't for you.
massivan
2013-12-20 20:34:48 UTC
Permalink
Post by ANTONIO BRUNO
E' impressionante
http://oi39.tinypic.com/10numo3.jpg
"Arne Saknussem"

si, in effetti lo è :P


"massivan"

Ha tirato una panzana sostenendo di aver usato solo "Fratellanza Ciociara"
cone nominativo, invece è stato anche: Freccia Nera, Mela Marcia, Vinio di
Noto,
a forde altri che ora non ricordo.
Continua a leggere su narkive:
Loading...